/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | martedì 17 aprile 2018, 07:00

Tenda bis: per quale ragione si è sciolto il comitato di monitoraggio? Grande Cuneo porta la questione in consiglio comunale

“Il sindaco, garante del comitato, deve informare il Consiglio e i cittadini”, ha detto la consigliera; Mauro Mantelli: “Interpellanza-proclama basata sulla falsa narrazione della verità”

Lo sciopero dei lavoratori Fincosit al cantiere del Tenda Bis

E' complessa e ramificata la “questione Tenda Bis”, che proprio in questi giorni è tornata prepotentemente d'attualità con la rescissione del contratto tra ANAS e Fincosit per la realizzazione del raddoppio.

L'interpellanza presentata dal gruppo Grande Cuneo Menardi Sindaco, Laura Menardi, e discussa nella prima serata di consiglio comunale tenutasi ieri sera (lunedì 16 aprile), però, prende le mosse da una decisione ancora antecedente, ovvero quella di sciogliere il comitato di monitoraggio che riuniva tutti gli attori provinciali interessati alla questione.

Per quale ragione è stato sciolto il comitato? E cosa intende fare il sindaco Borgna (anche presidente della provincia e garante del comitato stesso) per affrontare i tanti temi irrisolti della viabilità cuneese, di cui questo è soltanto un esempio?

Ugo Sturlese: “L’interpellanza è giustificata, lo scioglimento del comitato ha lasciato tutti basiti. Che la gestione della viabilità nella nostra provincia sia nel caos è sotto gli occhi di tutti.”

Mauro Mantelli alla risposta, accalorata: “Domani (martedì 17 aprile, ndr) la questione verrà trattata nello specifico in un ordine del giorno. Quella presentata dalla consigliera Laura Menardi non è un’interpellanza, è un proclama fatto di falsa narrazione della realtà, con osservazioni non vere, sprezzanti e fatta di concetti irrispettosi. Consiglio alla collega di ”leggere il libro “La fine del dibattito politico” di Mark Thompson.”

“Il comitato di monitoraggio, ora sciolto, è stato terminato da Luca Chiapella, non dal sindaco Federico Borgna. Che il presidente della Provincia non abbia fatto nulla è altrettanto falso, la visita che ho fatto io venerdì al cantiere del Tenda bis ne è un esempio. La nostra linea, comunque sia, è quella di coordinare gli enti locali e territoriali e creare un nuovo comitato che possa gestire una situazione di chiara e conclamata crisi”, ha concluso l’assessore.

“Ringrazio l’assessore del consiglio, mi informerò - ha ancora risposto Menardi - . Avrei preferito però che rispondesse direttamente il sindaco, che non si può negare fosse inizialmente figura importante all’interno del comitato, e che abbia poi delegato la guida dello stesso a un altro soggetto: sarebbe opportuno invece si prendesse le proprie responsabilità.

Il comitato era nato sotto i migliori auspici, e con l’intenzione di non lasciare nulla di intentato fino alla ripresa dei lavori, cosa che non è successa.

Credo l’assessore non abbia compreso il senso della mia interpellanza.”

simone giraudi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore