/ Curiosità

Curiosità | 23 aprile 2018, 18:58

Da Boves a Roma in occasione della Terza Giornata Nazionale della Salute della Donna

Maria Peano, presidente della Commissione regionale Pari Opportunità, è intervenuta al Ministero della Sanità, con il ministro Lorenzin

Da Boves a Roma in occasione della Terza Giornata Nazionale della Salute della Donna

Maria Peano, di Boves, presidente della Commissione regionale Pari Opportunità è stata invitata a Roma ad un dibattito nell’ambito della Terza Giornata Nazionale della Salute della Donna. Le abbiamo chiesto una sintesi del suo intervento:

“In occasione della terza giornata nazionale della salute della donna, il Ministero ha organizzato una mattinata dal programma intenso incentrato su 5 temi, violenza di genere, percorso delle reti di assistenza, violenza sui luoghi di lavoro, violenza e disabilita', disturbi del comportamento alimentare e prevenzione e stili di vita. Per ogni tema sono stati chiamati esperti e operatori che hanno discusso e lavorato su proposte che sono state presentate al termine della mattinata al Ministro Lorenzin. È stato allestito un vero e proprio villaggio della salute, molti gli stand di specialisti in cui le donne avevano l' opportunità di fare visite gratuite. La nostra Commissione Regionale Pari opportunità ha lavorato molto in questi anni sui disturbi del comportamento alimentare per questo sono stata invitata a partecipare come relatrice, è stato un bel riconoscimento.

È un tema che ci sta particolarmente a cuore perché è una patologia di genere che colpisce in misura prevalente le giovani adolescenti e sta diventando una vera e propria piaga sociale. A Roma è emersa l'esigenza da parte di tutti i relatori della necessità e dell'urgenza di una rete multidisciplinare, di un' implementazione e di una integrazione dei livelli di assistenza; la necessità di formare i genitori, gli insegnanti, i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per intercettare il più presto possibile la malattia al suo esordio ed evitare una cronicizzazione. L'importanza di contrastare i siti web che inneggiano all'anoressia, le fake news sull'alimentazione.

E poi lo sport, l'importanza di non sottovalutare la carenza energetica in particolare per quelle attività sportive che richiedono una certa snellezza, (la danza, l'atletica per es) e che espongono le giovani a forti rischi, oltre a compromettere la performance. Preziosissimo il contributo delle associazioni dei familiari che dimostrano spesso una competenza quasi tecnica ma più pratica, concreta. Molto è il lavoro da fare e non solo sul tema dei Dca; intanto molto positive queste giornate dedicate che aiutano a riflettere, approfondire e soprattutto a sensibilizzare perché il lavoro più impegnativo è la sfida culturale, sul tema dell'alimentazione, ma anche della violenza e della prevenzione”.

NaMur

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium