/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 25 aprile 2018, 18:02

Saluzzo, Festa del 25 aprile: “Pedagogia civile che dà il senso delle radici”

Grande partecipazione alla cerimonia in piazza XX Settembre. L’orazione ufficiale del presidente della Regione Sergio Chiamparino. “Saluzzo esempio in Italia per l’accoglienza”. La festa della Liberazione per imparare il primato della Libertà e il coraggio di combattere per questo ideale

Saluzzo, la cerimonia del 25 aprile

Saluzzo, la cerimonia del 25 aprile

La Festa del 25 aprile, come momento fondante di "Pedagogia civile che dà  il senso delle radici, del dove veniamo per capire dove andiamo” la riflessione di Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte, che ha tenuto l’orazione ufficiale, questa mattina in piazza XX Settembre. 

La sua definizione risponde alla grande partecipazione alla cerimonia, di autorità civili e militari, cittadini, associazioni combattentistiche e d’arma, alla condivisione di contenuti, sottolineati  nella mattinata da numerosi applausi. 

E, trova risposta alla crescente domanda di tanti e, di giovani in particolare, di sapere cosa è  il 25 aprile e cosa rappresenta, come ha evidenziato anche il presidente dell’Anpi saluzzese Giorgio Rossi, che ha aperto la terna degli interventi ufficiali, dopo la deposizione della corona di alloro e l’alzabandiera davanti al monumento dei caduti.

Da anni, un 25 aprile molto partecipato a Saluzzo, che non a caso è “una delle città da indicare  come esempio a livello nazionale in tema  di accoglienza” ha dato merito il presidente della Regione, inquadrando il fenomeno degli stagionali della frutta, gestito grazie a Caritas, amministrazione, associazioni di volontariato e categoria con il superamento delle contraddizioni. “ Io credo che questo sia un effetto di quella Pedagogia civile che ha contributo a diffondere la cultura dell'essere disponibile per l’altro che ha bisogno. Saluzzo esempio di  civiltà concreta". 

Nel Cuneese una Resistenza diffusa, “una guerra civile e di popolo “ secondo l'analisi del presidente Chiamparino, in nome di quel bisogno di Libertà che è tipica delle realtà contadine: “Mangiare pane e cipolle ma a casa propria” l’efficace  frase popolare riportata in dialetto.

In evidenza nel suo intervento, il carattere patriotico della Guerra di Liberazione, ricordando l’effetto cesoia della promulgazione delle leggi razziali del 1938, in un regime reazionario, ma sostenuto dal popolo. “Perché- ha sottolineato- gli ideali  di patria non possono essere affermati attraverso la sopraffazione di una comunità come è stato fatto con leggi razziali”.  

"La Guerra di Liberazione come momento di grande intelligenza e lungimiranza  della politica” per aver superato le diverse visioni di società in nome dell’interesse generale, con l’intelligenza di aver fatto sventolare la sola bandiera del tricolore italiano.

Ricordare il 25 aprile – ha concluso Chiamparino – è  occasione di imparare importanti lezioni: "il primato della Libertà, il coraggio di combattere in nome di questo ideale, la contraddizione radicale tra razzismo e ideale di patria e  la capacità di porre l’interesse  generale al di  sopra dell’interesse di parte. Lezioni per il futuro  dal sangue che quei giovani hanno versato per noi”.

"Serve una nuova  Resistenza contro l’antipolitica –  il sindaco Mauro Calderoni nell’intervento che ha  chiamato all’assunzione di responsabilità  civile -  contro nuovi movimenti  estremisti in Europa  e  nel mondo  che mirano ad attaccare minoranze e più deboli. Oggi per fortuna non viene richiesto di imbracciare le armi per la  difendere la Libertà, ma è richiesto un  impegno quotidiano fatto anche di piccoli gesti per contagiare l’intera collettività e riscoprire la politica intesa come partecipazione attiva alla vita delle nostre comunità.

Nei nostri piccoli centri dove è ancora possibile coniugare la pluralità dei punti di vista  e il confronto - ha sottolineato il primo cittadino che ha toccato il tema  dell’accoglienza e integrazione, sottolineando la mancanza di programmazione della gestione della stessa, sempre in una situazione di emergenza.

"Occorre ripartire dalle comunità, dai bisogni e aspettative puntando sui cardini del nuovo Rinascimento: tutela dell’ambiente, salute, sistema sociale,  cultura e integrazione".

La cerimonia, coordinata dall’assessore  Andrea Momberto, aperta dall’inno di Mameli suonato del Complesso bandistico Città di Saluzzo, diretto da Aurelio Seimandi, che ha accompagnato con il suo repertorio  i vari momenti celebrativi, si è chiusa con il tradizionale pranzo della Libertà alla ex Caserma Musso.  

Vilma Brignone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium