/ Politica

Politica | sabato 12 maggio 2018, 08:55

Guido Crosetto: “Preferisco che Fratelli d’Italia stia all’opposizione”

Il braccio destro di Giorgia Meloni al centro delle convulse trattative di queste ore. Voci accreditate riferiscono che gli sia stato prospettato il Ministero della Difesa, ma il “gigante di Marene” avrebbe respinto l’ offerta. FdI deciderà la propria posizione nella direzione nazionale convocata per lunedì

Guido Crosetto

Guido Crosetto

Agenzie di stampa, talk show televisivi e radiofonici vedono protagonista in questi giorni Guido Crosetto, segretario organizzativo di Fratelli d’Italia.

L’ex sindaco di Marene, già sottosegretario alla Difesa, viene tirato per la giacca affinchè entri a far parte del governo al quale stanno lavorando Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

“Io ministro del prossimo governo? Per carità, vi ringrazio, ma no, proprio, no. Ho visto che lo hanno scritto anche i giornali: li ritaglierò per i miei figli, così da poterglieli far vedere quando saranno grandi”.

Così ha risposto ieri Crosetto alle voci che lo indicavano agli Esteri nel nuovo governo alla trasmissione radiofonica su Radio Uno “Un Giorno da Pecora”, condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro.

“La decisione ufficiale – ha aggiunto – verrà assunta lunedì, ma per quanto riguarda me dico no grazie. Sto valutando se andarmene anche dal Parlamento per stare di più con la mia famiglia, figuriamoci se mi metto a fare il ministro".

Sempre il “gigante di Marene” è stato protagonista ieri di un siparietto con Giancarlo Giorgetti. Il numero due della Lega interpellato dai giornalisti sulla sua possibile partecipazione al governo, magari nei panni di premier ha risposto: “Io nella squadra di governo? Solo se c'è anche Crosetto...".

Targatocn è in grado di affermare che a Crosetto sarebbe stato prospettato il Dicastero della Difesa, ma l’interessato ha declinato l’offerta non convinto della formula del nascituro esecutivo.

Del resto, non è un mistero che il braccio destro di Giorgia Meloni sia poco propenso (per usare un eufemismo) ad un’intesa coi 5 Stelle e, in particolare, nettamente contrario al reddito di cittadinanza, uno dei cavalli di battaglia dei pentastellati.

“Ho rifiutato la Difesa – ha confidato ad amici – perché voglio che Fratelli d’Italia stia all’opposizione”.




Giampaolo Testa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore