/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 16 maggio 2018, 16:43

Wifi e aree montane: "Penalizzati i comuni con connessioni a bassa velocità"

Pianetta e Bussone di Anci e Uncem: "Hanno chiesto alle nostre Associazioni di portare il tema sui tavoli europei. Non solo relativamente a questo specifico bando di finanziamento bensì rispetto al metodo utilizzato"

Foto generica

Il "crash" era annunciato. E puntualmente ha bloccato il sito wifi4eu.eu a poche ore dall'attivazione.

Ieri (15 maggio), dalle ore 13, si è aperta la possibilità per i Comuni di inviare i progetti in forma digitale per poter beneficiare del voucher da 15 mila euro per dotarsi di sistemi di hot spot per la diffusione degli accessi a internet negli spazi pubblici. 120 milioni di euro disponibili per tutti i Paesi europei, ovviamente anche l'Italia.

Dopo una pre-registrazione qualche mese fa, ieri i Comuni hanno avuto la possibilità di accedere al vero e proprio bando. Con un sistema di "click", cioè - come già purtroppo vissuto negli ultimi anni - premiando chi arriva prima, chi clicca per prima sul sito. Così, il portale europeo dopo meno di un'ora dall'attivazione del servizio, si è bloccato. E lo è ancora stamani.

"Moltissimi Comuni hanno manifestato il loro sdegno per quanto avvenuto - commentano i vicepresidenti Anci Piemonte Michele Pianetta e Uncem Piemonte Marco Bussone - . Hanno chiesto alle nostre Associazioni di portare il tema sui tavoli europei. Non solo relativamente a questo specifico bando di finanziamento, per una questione peraltro molto importante quale la dotazione di punti wi-fi con nuovi hot spot negli spazi pubblici, bensì rispetto al metodo utilizzato, che premia il più veloce, chi ha una migliore connettività."

Un sistema che penalizza i piccoli Comuni, ancora una volta mette in difficoltà chi ha basse velocità di connessione, chi soffre per problemi di digital divide. "Se poi il sito si blocca - sottolineano Pianetta e Bussone - vengono alla luce una serie di criticità tecniche che a livello di organizzazioni e istituzioni comunitarie si potevano prevedere e risolvere a monte, nei mesi scorsi. Chiediamo ai nostri Eurodeputati di verificare quanto è avvenuto per il bando WiFi4EU e di impedire vi siano nuovi bandi con la richiesta del click più veloce, bensì vengano premiate qualità e necessità effettive dei progetti."

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore