/ Curiosità

Spazio Annunci della tua città

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Che tempo fa

Cerca nel web

Curiosità | giovedì 17 maggio 2018, 15:13

"Volteggiando" da Fossano al Salone del Libro: quattro chiacchiere con l'illustratore Franco Blandino

L'autore della città degli Acaja ha presentato alla kermesse torinese il libro illustrato "Volteggi" e un graphic novel sulla presa di Fossano da parte dei Francesi

E’ uscito per il service editoriale Youcanprint “Volteggi – Orizzonti di Immagini e Parole”, un nuovo libro di suggestioni fantastiche in cui i racconti della nota autrice siciliana Gabriella Vergari sollecitano le immagini del fossanese Franco Blandino, e viceversa, in un 'volteggiare' reciproco di orizzonti creativi e sinestesie artistiche.

La novità del libro, oltre all’originalità incredibile dei racconti e delle illustrazioni, è proprio questa: ogni racconto corrisponde ad una immagine, ma a volte l’illustrazione “segue”, interpreta, dà una “sua lettura” di quello che le parole suggeriscono, a volte le parole, le suggestioni letterarie, sono state ispirate dall’immagine.

Subito dopo la trasferta torinese del Salone Internazionale del Libro, abbiamo intervistato brevemente Franco Blandino.

- Ci parli un po' di Volteggi: perché è una raccolta di racconti "speciale"?

E' una raccolta "speciale" per l'originalità degli spunti narrativi di Gabriella Vergari e per il suo modo di narrare: come ha scritto l'amica Gabriella Mongardi nella Prefazione, "i racconti della Vergari sono tutti dei casi, tra il clinico e il poliziesco", e "la scrittura si trasforma in uno scavo al di sotto delle apparenze, della superficie, in un’indagine filosofica per mettere a nudo un problema, e finisce quasi sempre con l’assumere i toni della denuncia, sommessa, magari obliqua, ma lucida e ferma".

E' stato bello seguire l'Autrice immaginando illustrazioni "dettate" dallo scritto, è stato intrigante e lusinghiero proporle un'illustrazione, un quadro, un disegno, e vedere come la sua fantasia elaborava il racconto, come in "Il vento nelle pialle","Più in alto, più veloce"... Da qui la mia metafora dei due gabbiani che si inseguono e volteggiano, sulla copertina del libro.

- Al Salone del Libro avrà anche una graphic novel sull'assedio e la presa di Fossano. Ci vuole dire qualcosa anche di questo progetto?

Sono amico di Giovanni Cornaglia da oltre trent'anni. Ho sempre apprezzato la sua ricchissima e accurata collezione di quaderni della cartiera Souchon e da anni sostenevo che dovesse esporli e pubblicarli. Quando - anche grazie al sostegno della comune amica Anna Mantini - ha iniziato il mega-lavoro di scrittura mi ha chiesto di studiare insieme la copertina e di pubblicare nel testo un vecchio disegno che avevo fatto per l'incendio della cartiera.

Studiando la copertina gli ho accennato al fumetto che avevo in archivio sul cannoneggiamento di Fossano da parte dell'esercito napoleonico di Serrurier, che aveva centrato l'area della Cartiera: ne è stato subito entusiasta e mi ha proposto di farne un inserto nel suo libro. Sono molto grato a Giovanni, l'edizione del libro è eccezionale, le illustrazioni (tutte, anche le mie) sono state rese in modo splendido.

- I due lavori appaiono come molto diversi. Com'è stato lavorare a entrambi, e quali sono i punti di contatto tra l'uno e l'altro, nel caso ci siano?

Per me disegnare o dipingere è rilassare l'anima. Il fumetto - la Graphic Novel -  è "raccontare per immagini", seguendo un filo logico e facendo il regista, guidando l'immaginaria macchina da presa per far comprendere al lettore la storia che si va illustrando. I migliori fumetti sono quelli in cui la sceneggiatura è scritta dal disegnatore. Qui ho scritto una breve sceneggiatura sul testo ottocentesco del Canonico Paserio, e i disegni a china seguono il ritmo della narrazione.

In "Volteggi" il rapporto con il lettore è diverso: l'immagine unica allude al testo, cercando di incuriosire chi legge e di dare "una lettura possibile" del testo (si guardi a"Percorsi" o "Lo strappo del sorriso"). Una sfida di fantasia con l'autrice, che è sempre stata molto benevola, e che ha risposto alla sfida proponendo di creare testi sulle immagini, producendo così racconti formidabili, come "Venature". Sfida a distanza, tra Catania e Fossano, con testi e illustrazioni che hanno viaggiato sempre sugli schermi dei nostri pc, Pubblicati da "Margutte", rivista monregalese on-line, oggi sono raccolti in questo bel libro, pubblicato in edizione cartacea e come e-book.

s.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore