/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 18 maggio 2018, 11:02

Bonus verde: da Coldiretti un aiuto alla lotta contro lo smog

Galliati e Rivarossa: "Un provvedimento che può arrivare a portare benefici all’intera collettività favorendo la diffusione di parchi e giardini"

Foto generica

Con appena 31 metri quadrati di verde urbano a testa le città italiane non riescono a rompere l’assedio dello smog, con valori sotto la media per le metropoli come i 22 metri quadrati di Torino, i 17,9 di Milano e i 13,6 di Napoli. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti su dati Istat in relazione al fatto che, insieme ad altri Paesi, l’Italia è stata deferita alla Corte di Giustizia Ue per aver violato le norme europee antismog, in particolare per l’Italia la contestazione riguarda il superamento dei limiti di PM10, le cosiddette polveri sottili.

Una risposta può arrivare dal potenziamento del verde urbano – commentano Fabrizio Galliati vicepresidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa delegato Confederale -  visto che una pianta adulta è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili e un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno. In questo senso, d’aiuto è sicuramente il bonus verde che prevede detrazioni del 36% per la cura di terrazzi e giardini, sia privati sia condominiali. Oltretutto – ricordano Galliati e Rivarossa – offre anche un importante sostegno al settore florovivaistico Made in Piemonte che genera una produzione lorda vendibile di oltre 130 milioni di euro di cui con più di 1100 imprese diffuse sul territorio, una superficie complessiva di 1300 ettari, una produzione di piante ornamentali di oltre 10 milioni ed un totale di circa 3500 addetti. Un provvedimento che può, quindi, arrivare a portare benefici all’intera collettività favorendo la diffusione di parchi e giardini in città capaci di catturare le polveri e di ridurre il livello di smog sempre più pericoloso per la salute dei cittadini.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore