/ Attualità

Attualità | 20 maggio 2018, 11:17

Il Presidente dell’Inps Tito Boeri premia il volume fossanese "Storie di carta"

Vincitore del I Premio Nazionale Letterario Inps. Il libro di Giovanni Cornaglia racconta la storia della cartiera fossanese. Sala gremita alla presentazione del volume al Salone del Libro di Torino

Il Presidente dell’Inps Tito Boeri premia il volume fossanese "Storie di carta"

“I Quaderni e le copertine Magnifiche di Paul Souchon“. Questo il tema dell’evento in programma domenica 13 maggio alle ore 13 al Salone del libro di Torino. Ad organizzarlo il Circolo Culturale Centro Studi Il Ragno di Fossano che nell’ambito dello spazio regione dedicato alle esperienze editoriali più significative della stagione ha presentato il volume “Storie di Carta. La Cartiera di Fossano. I quaderni di Souchon” di Giovanni Cornaglia alla Sala Argento gremita di un pubblico attento e partecipe.

Introdotto dalla presidente del Circolo, avv. Anna Mantini, l’autore ha tratteggiato la storia della cartiera fossanese soffermandosi in particolare sulla più tipica e famosa delle produzioni del pluricentenario stabilimento, i quaderni scolastici dalle appunto magnifiche copertine illustrate, alle quali hanno messo mano grandi illustratori e quadernisti italiani come Leonida Edel e Carlo Biscaretti di Ruffia.

Il dottor Enzo Bottura, forse il massimo esperto di storia de quaderni italiani, ha sottolineato l’importanza dello studio di Cornaglia che con “Storie di Carta” salva dall’oblio una produzione d’eccellenza, in parte già nota e presente nelle maggiori collezioni nazionali, ma della quale nulla si conosceva in quanto ad origine e, per così dire, paternità.

Il riordino e l’offerta di una sorta di catalogo organizzato in modo storico cronologico permette inoltre finalmente di dare un nome e cognome a chi di quegli splendidi manufatti è stato l’artefice, ha sottolineato il padre del neologismo “quadernista” (cioè dell’illustratore di copertine di quaderni scolastici), una operazione mai tentata prima e perfettamente in linea con quel “Se un giorno …tutto questo” tema della 31.ma edizione del Salone torinese.

Nel suo intervento l’avv. Anna Mantini, che ha fortemente voluto e sostenuto lo studio di Cornaglia edito per i tipi dell’ArabaFenice di Boves, ha sottolineato come “Storie di Carta” abbia colto in pieno l’importanza della salvaguardia e di far memoria degli esempi egregi che vengono dal passato, salvando dall’oblio espressioni d’ingegno ed arte, spesso anche di grande valore culturale e sociale, ancorché misconosciute.

Per le stesse motivazioni, come ricordato Direttore Regionale INPS del Piemonte dott. Giuseppe Baldino, nella mattinata di venerdì, sempre al Salone del Libro, Cornaglia è stato tra i vincitori del I Premio Nazionale Letterario organizzato dall’INPS anche nell’ambito delle celebrazioni del 120 anni della fondazione dell’istituto. Lo stesso Presidente dell’ente prof. Tito Boeri, nel primo pomeriggio sempre di venerdì, è appositamente giunto da Roma per complimentarsi coi vincitori del premio che ha incontrato nel padiglione allestito dall’INPS al Salone torinese.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium