/ Sport

Sport | 20 maggio 2018, 18:03

Lo sport come stimolo di aggregazione e risocializzazione per i disabili psichici

Tante le attività messe in campo dal Servizio Territoriale di Psichiatria dell’Asl Cn1, in collaborazione con l’Unione Sportiva Acli Provinciale di Cuneo

Immagine generica

Immagine generica

Accanto ad un aspetto più ludico e risocializzante, lo sport costituisce un fondamento importante nei progetti educativi e terapeutici di disabili psichici aiutandoli a ritrovare un rapporto con il proprio corpo, stimolare in loro un processo di crescita e di maturazione della personalità e del comportamento.

Fondamentale inoltre è anche l’acquisizione di caratteristiche psicologiche e comportamentali che orientino verso un maturo senso della realtà; lo sport in generale e l’integrazione con altre realtà sportive possono rappresentare uno stimolo per i pazienti verso l’aggregazione e la risocializzazione.

Seguendo questi itinerari il Servizio Territoriale di Psichiatria dell’Asl Cn1, in collaborazione con l’Unione Sportiva Acli Provinciale di Cuneo ha da alcuni anni organizzato delle attività sportive e non (calcetto, bocce, montagna terapia) per i propri utenti, affiancati da volontari e da operatori di Comunità e dai Servizi di Psichiatria territoriale che coprono un arco periodico riabilitativo e risocializzante di nove mesi circa.

La prima attività in dirittura d’arrivo è quella di calcetto che lunedì 21 maggio con le finali e la premiazione ufficiale, presso gli impianti sportivi esterni di Roata Rossi concessi a titolo gratuito con il patrocinio ormai storico del Comune di Cuneo, sancirà la squadra regina della competizione 2018.

A seguire, martedì 19 giugno presso la bocciofila US Acli centallese, dopo la finale del torneo di bocce che ha coinvolto ormai da quasi un anno molti utenti dei Servizi di Psichiatria tutti i partecipanti vivranno insieme la premiazione e un momento conviviale.

Tali attività sono sempre aperte a tutti gli utenti afferenti ai servizi e a persone interessate ad approfondire e valutare l’incontro tra il mondo “normale” e le problematiche di una patologia come quella psichiatrica che sicuramente è spesso responsabile di una sofferente qualità della vita.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium