/ Attualità

Attualità | 21 maggio 2018, 07:15

Condotta Slow Food Fossano: nuovo presidente, continuità di intenti

Marco Barberis è stato eletto fiduciario dalla Piccola Tavola

Marco Barberis

Marco Barberis

È Marco Barberis, grafico pubblicitario 43enne di Fossano, il nuovo fiduciario della Condotta Slow Food Fossano.

Scelto in seno alla Piccola Tavola, o Congresso, della condotta di Fossano rinnovata nei mesi scorsi ha già annunciato quelli che saranno i prossimi appuntamenti sul territorio pur senza allontanarsi da quelli che sono i punti fermi di Slow Food Fossano degli scorsi anni.

Primo annuncio è il ritorno a Fossano della festa di Terra Madre il 22 settembre prossimo: i delegati in Italia in occasione del Salone del Gusto di Torino si daranno appuntamento a Fossano per una serata all’insegna del sapore della tradizione e del “cibo buono, pulito e giusto”.

Il nuovo direttivo che affiancherà Barberis alla presidenza vedrà in modo particolare l’impegno di Franco Morra, Marisa Isoardi e Ilaria Fruttero nella continua promozione degli orti scolastici cresciuti in questi anni fino a far meritare un meritatissimo podio a livello nazionale alla condotta della città degli Acaja con 32 orti in 16 comuni diversi. Emiliano Spagnoli è stato confermato nel suo ruolo di tesoriere, Beppe Calvo, presenza costante in questi anni di condotta, si occuperà di crowdfunding, e Annalisa Mellano ricoprirà il ruolo di segretario.

Spero di essere all’altezza di quanto fatto in questi anni da Beppe (Calvo n.d.r.) – ha detto Marco Barberis -. La mia attività sarà in continuità con quanto espresso in questi anni. Grazie alla collaborazione con le varie amministrazioni dei diversi comuni su cui operiamo la condotta di Fossano è cresciuta costantemente in questi anni e si è attestata in un ruolo importante nell’ambito delle condotte nazionali, soprattutto per quanto riguarda gli orti scolastci”.

Altra grande novità è la firma di un protocollo con l’Istituto San Camillo e la scuola Margherita Macesi di Roata Chiusani per il progetto Orti nel Cuore: nella casa per anziani di Centallo sarà realizzato un progetto di orti adeguati a chi è su una sedia a rotelle. In questo modo gli ospiti della casa di riposo potranno interagire con i bambini della scuola Margherita Macesi insegnando loro a prendersi cura dell’orto: “L’idea è quella di allargare il protocollo a tutte le scuole centallesi e di proporre questo abbinamento tra case per anziani e scuole a tutto il territorio. Si tratta del primo progetto di orto del cuore Slow Food in Italia” ha aggiunto Marco Barberis. L’orto del cuore di Centallo sarà inauturato sabato 16 giugno.

Altro progetto avviato nel 2017 dalla condotta fossanese è la distribuzione alle scuole del territorio delle Slow Bag per portare a casa gli avanzi di cibo delle mense scolastiche: un modo efficace per educare i bambini a contrastare lo spreco alimentare.

Agata Pagani

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium