/ Eventi

Eventi | 21 maggio 2018, 10:45

Bra, un Aperitivo Letterario strepitoso con i consigli per vivere meglio della dottoressa Ortega

La primaria di Oncologia dell’ASL CN 2: "Vive più a lungo chi mangia di meno e correttamente"

Bra, un Aperitivo Letterario strepitoso con i consigli per vivere meglio della dottoressa Ortega

Immaginiamoci un clima frizzante, una settimana pesante da smaltire, una mattina libera da passare in relax.

Un bicchiere di vino o un sorbetto di mela da sorseggiare, un interlocutore da ascoltare attentamente e magari il soggetto è Cinzia Ortega, Primaria di Oncologia dell'ASL Cn2.

Quanti di noi vorrebbero rilassarsi così, conciliando la passione per la cultura e riflessioni con le eccellenze del territorio offerte dal Mercato della Terra?

Succede a Bra dove l’arte e l’enogastronomia si uniscono in un matrimonio che si rivela vincente attraverso l’Aperitivo letterario.

Sotto l’Ala della Rocca, domenica 20 maggio il piacere di un aperitivo si è mescolato ai consigli per vivere meglio espressi con grande competenza e semplicità dall’illustre ospite: "Un’alimentazione controllata - ha spiegato la dottoressa Ortega - può portare benefici evidenti alla nostra salute e prevenire molte malattie. Vive più a lungo chi mangia di meno e correttamente.

Per vivere in modo sano, bisogna associare alla giusta alimentazione una buona attività fisica: bastano trenta-quaranta minuti di camminata veloce per riuscire a mantenere un corretto trofismo muscolare e tenere in allenamento l’apparato cardiovascolare. Il piatto ideale?

Verdura associata a proteine o carboidrati come un piatto di pasta con il sugo al pomodoro che è ricco di antiossidanti ed è promosso dalla dieta mediterranea. No, invece, alle bibite gassate, perché sono molto zuccherate. Per quanto riguarda i bambini, è meglio cominciare ad educarli adesso ad una corretta alimentazione".

Domande e curiosità si sono alternate in un evento che ha coinvolto numerosi avventori, conquistati da un’atmosfera tipicamente retrò con sensazioni positive e diverse da quelle che si provano in un consueto aperitivo.

Non solo, l’iniziativa portata avanti da Silvia Gullino e Lino Ferrero combatte le abitudini degli ultimi tempi, troppo influenzate dal mondo digitale.

Qui la chat non è virtuale, ma reale, perché si ascolta, si parla con altre persone, si fa parte di un vecchio aspetto di socializzazione. L’Aperitivo letterario coinvolge generazioni diverse e le fa stare insieme, unendo anime sensibili a pensieri ed argomenti di profonda attualità.

Non confinati a complesse dissertazioni accademiche, ma piuttosto orientati ad un metodo di allargamento della conoscenza.

E non è finita qui, perché l’esperienza di questo evento, mese dopo mese, si arricchisce di piccoli traguardi, fatti di persone prima che di cifre.

"Credo che il successo si raggiunge soprattutto quando qualunque persona che incontri per strada ti esprime apprezzamenti per il lavoro fatto, le opportunità offerte, ha voglia di rivederti ed il desiderio è reciproco", dice Silvia Gullino che parla a nome di una macchina organizzativa che coinvolge la Città di Bra, condotta Slow Food, l’Associazione culturale Albedo e l’Istituto professionale Velso Mucci.

"Creare legami fra persone: questo è il vero successo". Per l’ultimo appuntamento della stagione, si segnala l’incontro con lo scrittore e fotografo Vincenzo Decarolis, previsto per il 17 giugno.

r.t.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium