/ Agricoltura

Agricoltura | 22 maggio 2018, 08:52

La sicurezza degli alimenti passa anche attraverso il Pest Control per arrivare al Pest Management,

A Cherasco si è parlato del sistema integrato dalla prevenzione al monitoraggio per arrivare alla lotta agli infestanti

Luciano Suss

Luciano Suss


Parlare di sicurezza degli alimenti significa avere un’attenzione particolare a tutta la filiera, dalla materia prima al prodotto finito. In questo percorso uno dei tasselli fondamentali è il controllo sulla lavorazione delle materie prime, quando queste sono all'interno dell'industria di trasformazione.

Come proteggere le aziende da topi e insetti che inciderebbero negativamente sulla lavorazione, sia in termini di salubrità che di immagine per i prodotti? Di questo si è parlato venerdì 18 maggio 2018 al Monastero dei Somaschi di Cherasco nel convegno "Industria alimentare Dal pest control al pest management" organizzato da Ciadit e Moedi, due aziende leader nel trattamento e prevenzione degli infestanti. "La qualità della materia prima è fondamentale - ha salutato l'eurodeputato Alberto Cirio, - ma non basta. Il controlo di qualità deve riguardare tutta la filiera, dal campo al momento in cui il prodotto entra in mercato. Il settore della prevenzione e controllo sugli infestanti è una parte fondamentale che garantisce il consumatore finale". Al tavolo dei relatori illustri esperti del settore. Quali tecniche utilizzare, ma anche quali prodotti per la disinfestazione?

La normativa europea, in continua evoluzione, stila un elenco molto preciso di cosa sia possibile utilizzare. Di questo argomento ha parlato Daniel Lucien di Bayer, che ha analizzato la Direttiva sugli usi sostenibili dei biocidi, la Biocidal Products Regulation. Il professor Luciano Süss, già ordinario dell'Università di Milano, ha ricordato come diverse centinaia di insetti in tutto il mondo si sono insediati e si sviluppano a spese delle derrate porovocando danni diretti e indiretti. "Prima di intervenire è necessario conoscere il tipo di infestante". Sulla lotta agli infestanti, Süss ha spiegato: "l'orientamento attuale è la lotta integrata. Risultano quindi essenziali pratiche di prevenzione, ma anche indispensabili sono le attività di monitoraggio e l'attuazione di innovative tecniche di lotta", concludendo: "Un approccio così complesso e completo richiede personale tecnico preparato ed adeguatamente aggiornato". Un campo quindi in cui non ci si può improvvisare e dove il fai da te non paga. Guglielmo Pampiglione ha centrato l'intervento sul rischio da anticoagulanti, illustrando i rischi dell'impiego dei pesticidi e la necessità di mitigare questo rischio. Nuove frontiere sul fronte della lotta prevenzione e della lotta sono stati argomenti affrontati durante il convegno. Uno di questi metodi è la Nebbiasecca, illustrata da Davide Armiraglio.

La Nebbisecca è un innovativo e collaudato sistema di micronizzazione a freddo impiegabile per l'erogazione di soluzioni disinfestanti e disinfettanti su grandi volumi. E' un metodo facile da utilizzare, efficace, sicuro. Grande curiosità nel pubblico ha destato l'intervento di Pierre Dumas, che ha parlato di parassitoidi nella lotta gli insetti nocivi delle derrate, i cosiddetti "insetti utili". "Non prevedono alcun trattamento chimico - ha spiegato. - Sono sicuri per l'utilizzatore, per il personale e per il consumatore finale. Gli insetti utili non hanno nella propria dieta i parassiti e le derrate alimentari e sono più economici dei prodotti chimici". Uno dei tasselli fondamentali per la prevenzione e la lotta agli infestanti è sicuramente il monitoraggio che non deve essere fine a se stesso ma provocare azioni concrete e mirate. Giuseppe Spina ha illustrato Ekontrol, un sistema di monitoraggio remoto in tempo reale per la verifica a distanza di ambienti e apparecchiature per il controllo e monitoraggio di roditori. Il dispositivo è programmato per individuare il movimento associato al calore. Il dato raccolto viene inviato ad un webserver che raccoglie e gestisce il dato.

Sempre di monitoraggiio ha chiuso gli interventi Andrea Radaelli di Clevermind che, in collaborazione con Anna Roggero di Moedi, ha messo a punto il software "Mediacloud" che permette alle aziende di Pest Control di produrre la reportistica da fornire al cliente per consentirgli di "farsi un'idea di come vanno le cose con un solo colpo d'occhio". Questo permette la collaborazione tra azienda e addetti al Pest Control nella gestione integrata degli infestanti, progettando le azioni preventive e correttive necessarie

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium