/ Saluzzese

Saluzzese | 22 maggio 2018, 08:29

Liceo Bodoni di Saluzzo: scambio culturale con Yzeure

Riceviamo e pubblichiamo

Liceo Bodoni di Saluzzo: scambio culturale con Yzeure

Dal 24 aprile al 5 maggio i ragazzi della 4^D del Liceo Bodoni, accompagnati dai Professori Simone Camosso e Massimiliano Cimato, sono stati coinvolti nell’attività di scambio culturale con la scuola francese di Yzeure. Durante la prima settimana, che ha visto gli studenti saluzzesi ospitare i corrispondenti, si sono svolte innumerevoli attività: dalla gita a Torino, passando per la costinata e la partita di calcetto in Val Stura, giocata con lo scopo di emulare la storica finale del mondiale 2006, fino al trekking e al bagno a Finale Ligure, il giorno prima della partenza. Dopo cinque intense giornate, in cui gli studenti del Bodoni hanno dato ai francesi un assaggio dello stile di vita nel Belpaese, i ragazzi sono partiti alla volta di Yzeure, cittadina situata in Alvernia, nel centro della Francia. Qui sono stati accolti dalle famiglie d’oltralpe, che li hanno ospitati per una settimana rivelatasi ricca di divertimento e di spunti formativi. Infatti, oltre ad una giornata passata in un parco divertimenti e un pomeriggio a fare shopping nella vicina città di Moulins, gli studenti saluzzesi hanno avuto l’occasione di visitare il Lamptégy, un vulcano ormai spento, il museo della Michelin a Clermont Ferrand, una miniera di carbone e un tempio buddista. Inoltre, hanno trascorso una mattinata nella scuola dei corrispondenti, frequentando alcune lezioni che li hanno proiettati in una full immersion nel sistema educativo francese molto differente rispetto alla scuola italiana.

Lo scambio è stato, quindi, giudicato unanimemente un’esperienza estremamente positiva, dal momento che ha permesso ai ragazzi di confrontarsi con una cultura ed uno stile di vita diversi, di aprirsi verso una società più variegata della nostra e sperimentare la libertà, seppur di breve durata, di vivere in un altro paese, occasione non solo di svago ma che ha dato loro la possibilità di conoscere nuovi tratti della propria personalità, di crescere e di responsabilizzarsi. Una volta tornati in Italia, gli studenti hanno osservato il proprio paese sotto un'altra luce, apprezzandone alcuni aspetti che prima davano per scontati, cucina in primis…

In conclusione, i ragazzi ringraziano gli accompagnatori per la pazienza e la disponibilità, e consigliano vivamente alle future quarte lo scambio culturale, non solo come un’occasione per potenziare le proprie capacità linguistiche, ma come una possibilità di crescere e apprendere senza rinunciare ad un sano divertimento.

Samuele Cravero

4^D Liceo G.B. Bodoni - Saluzzo

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium