/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 25 maggio 2018, 21:24

Infiltrazioni da cromo esavalente: stop all'iter della nuova discarica di Salmour

Il sindaco Sineo: “Mi sembra il minimo. Non si può andare avanti con un progetto su un sito che è già contaminato oggi”

Infiltrazioni da cromo esavalente: stop all'iter della nuova discarica di Salmour

Infiltrazione da cromo esavalente nel sito dove dovrebbe sorgere la nuova discarica di Salmour. Per questo motivo la Provincia ha ordinato oggi, venerdì 25 maggio, la sospensione dell'iter autorizzativo alla realizzazione di una nuova discarica per rifiuti speciali e per il connesso impianto di smaltimento nel Comune di Salmour, in località Pernis Gaia.

“Mi sembra il minimo – dichiara il sindaco Gianfranco Sineo -. Non si può andare avanti con un progetto su un sito che è già contaminato oggi”.

Tutto è partito a febbraio 2018 quando l'Arpa è andata a monitorare i piezometri sulla vecchia discarica (in gestione post mortem da parte di Aimeri) e ha riscontrato una contaminazione da cromo esavalente proprio sul piezometro a monte, nel sito interessato dal progetto della nuova discarica. Analisi confermate da ulteriori indagini commissionate da Comune e Provincia, sempre a mezzo Arpa.

Due settimane fa l'Arpa ha chiesto la bonifica dell'area e il comune ha chiesto alla Provincia anche la sospensione dell'iter autorizzativo della V.IA. (valutazione impatto ambientale) per la nuova discarica.

Dopo una diffida da parte del Comune di Salmour al settore Ambiente, la Provincia ha quindi ordinato la sospensione dell'iter. Ci sarà tempo 60 giorni per ripetere le analisi e individuare le cause della eventuale contaminazione.

“È un primo passo – dichiara il primo cittadino Sineo -. Sono in assoluto contrario alla realizzazione della nuova discarica. Una situazione che abbiamo già vissuto sulla nostra pelle quasi 30 anni fa, sappiamo bene cosa vuol dire”.

A dar manforte al sindaco anche il vicepresidente del Consiglio regionale piemontese Franco Graglia: "Si tratta sicuramente di una vittoria parziale, ma é importante. Insieme con il sindaco di Salmour Gianfranco Sineo, a tutta l’amministrazione comunale, i cittadini e gli altri primi cittadini del territorio abbiamo cercato in tutti i modi di approfondire dal punto di vista tecnico e politico l'impatto ambientale che deriverebbe al territorio da questo nuovo impianto si smaltimento rifiuti. La sospensione permetterà di espletare da parte della ditta proprietaria dei terreni tutte quelle perizie necessarie per dare risposte alle perplessità sollevate. Ho presentato una interrogazione al riguardo e continuerò a monitorare la situazione per tutelare i cittadini di un territorio che ha già dato alla collettività sul tema rifiuti".

Cristina Mazzariello

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium