/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 25 maggio 2018, 13:51

Alpinista colto da malore sulla Nord del Monviso: recuperato in elicottero dal Soccorso alpino (FOTO)

L’intervento si è da poco concluso. L’allarme è scattato in fase di ascesa, alcune centinaia di metri a valle della vetta

Foto di Nicolò Bertola

Intervento dell’elisoccorso dell’emergenza sanitaria, poco fa, sul Monviso, dove un alpinista è stato colto da malore sulla parete Nord, ad alcune centinaia di metri dalla cima del Re di Pietra.

L’uomo, insieme a una guida alpina ed a compagni di cordata, pare non avesse ancora raggiunto la vetta. In seguito all’allarme è decollato l’elicottero dalla base di corso Marche a Torino, che prima di salire in quota ha fatto “campo base” a Crissolo, dove ha scaricato il personale sanitario e l’attrezzatura.

Giunto sul massiccio del Monviso, alcune nubi hanno reso difficoltose le operazioni di localizzazione dell’alpinista. Tuttavia, il tecnico di elisoccorso del Soccorso alpino presente sul mezzo aereo è riuscito ad individuare la zona dell’incidente e a tentare un primo recupero. In paese, intanto, si è immediatamente resa operativa una squadra formata da volontari del soccorso alpino della XIV delegazione, pronta ad intervenire in quota in caso di supporto.

L’intervento dei volontari però non è stato necessario, dal momento che poco dopo l’elisoccorso ha riportato a Crissolo l’alpinista in difficoltà, affidandolo alle cure dei sanitari.

Si è comunque reso necessario un secondo volo o quota 3400 metri circa di altitudine, per il recupero della guida alpina, dei compagni di cordata e del materiale tecnico, al quale ha preso parte un volontario della stazione di Soccorso alpino crissolese.

Terminato l’intervento sul Monviso, prima di riatterrare a Crissolo l’elicottero si è recato all’aeroporto di Levaldigi per effettuare rifornimento di carburante.

Ni.Ber.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore