/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 25 maggio 2018, 11:33

Omicidio in un pioppeto di Bra, spunta un secondo complice: arrestato un 22enne

La vittima Salvatore Ghibaudo fu trovato cadavere nel giugno 2016. L'estate scorsa era stato arrestato Mario Novi

La vittima Salvatore Ghibaudo

I Carabinieri della Compagnia di Bra hanno eseguito l'ordinanza di carcerazione disposta nei confronti di Mauro Regis, pregiudicato braidese di 22 anni, accusato in concorso, dell'omicidio di Salvatore Ghibaudo trovato cadavere in un pioppeto alla periferia della città nel giugno del 2016. L’ordinanza della sezione del riesame del Tribunale di Torino emessa nell'ottobre scorso, è divenuta esecutiva a seguito della pronuncia della Cassazione che ha respinto il ricorso del Regis contro la richiesta di carcerazione. L’uomo è accusato di omicidio in concorso, porto abusivo di armi, ricettazione e calunnia.

I Carabinieri di Bra lo hanno tratto in arresto, ponendolo agli arresti domiciliari presso la sua abitazione: dovrà rispondere, insieme a Mario Novi, arrestato l'estate scorsa, dell'omicidio di Salvatore Ghibaudo, ucciso con un colpo di pistola al volto e ritrovato cadavere due settimane dopo il delitto, che secondo gli accertamenti esperiti sarebbe avvenuto poco dopo la scomparsa dell’uomo dalla sua casa, nel giugno 2016.

Le indagini dei Carabinieri di Bra e della Procura di Asti avevano portato pochi mesi dopo il delitto ad individuare i presunti responsabili dell'omicidio, maturato nel contesto dello spaccio di stupefacenti locale. Lungo il fiume Stura, a Cervere, era stata trovata anche l'arma del delitto, una pistola Beretta 950 calibro 6,35 con matricola abrasa.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore