/ Eventi

Eventi | 09 giugno 2018, 17:00

Bernezzo: i festeggiamenti patronali si concludono con un grande concerto di musica classica

Appuntamento lunedì 25 giugno, alle ore 21, nella suggestiva location della chiesa parrocchiale S.S. Pietro e Paolo

Maria Pia Carola

Maria Pia Carola

Lunedì 25 giugno alle ore 21, la suggestiva location della chiesa parrocchiale S.S. Pietro e Paolo di Bernezzo ospiterà il concerto di chiusura dei festeggiamenti patronali 2018, “Intarsi Musicali, scese la sera…e nelle melodie un ricordo”.

La grande musica classica spazierà dal Barocco di Bach con le Variazioni Golberg e Haendel con l’Opera Giulio Cesare in Egitto, al Romanticismo di Chopin. I’evento vede protagoniste due musiciste concertiste di fama internazionale, Maria Pia Carola al Pianoforte e Rosanna Bagnis voce contralto, un connubio di grande fascino e di estrema raffinatezza timbrica ed espressiva, unione di due realtà che da molti anni lavorano in sinergia con l’arte dei suoni.

Il concerto è dedicato a Giovanni Vietto, sindaco di Bernezzo per oltre 25 anni, nel decennale della scomparsa.

L’ingresso al concerto è libero.

Maria Pia Carol, pianista di fama internazionale

Milanese di nascita, ha iniziato la sua carriera molto giovane dopo aver percorso il classico iter formativo dei pianisti: diploma al Conservatorio G. Verdi di Milano con il massimo dei voti e la lode; perfezionamento con i migliori maestri (Diploma di Merito della Accademia Chigiana con Guido Agosti) e successivamente con Paul Badura-Skoda, Franco Scala, Boris Petrushanskiy e Lazar Berman; partecipazione a concorsi nazionali e internazionali con cinque primi premi vinti.

Fin da giovanissima ha svolto e tuttora svolge attività come solista suonando in teatri e sale da concerto in Italia e in una ventina di nazioni di tutti i continenti. Ha suonato con numerose orchestre (Pomeriggi Musicali, Angelicum, Accademia Pescarese, Orchestra di Stato della Romania, Orchestra Sinfonica di Katerinoslav, Orchestra Filarmonica di Omsk, Orchestra di Odessa, Orchestra Sinfonica Accademici Jupiter ecc.) e per importanti Festivalin sale prestigiose ( S. Cecilia a Roma, sala Verdi a Milano, Castello di Praga, Musickverein di Vienna, Teatro Toreador di Cordoba, ecc.) , riscuotendo sempre ampi consensi di pubblico e critica.

Di lei si apprezzano “…la naturale espressività, la raffinatezza interpretativa e la capacità di alternare effetti sonori coloristici di vivida lucentezza a momenti di ispirato lirismo…”. La sua attività è sempre stata multiforme vivendo i più diversi aspetti del far musica, spinta da un amore profondo per l'arte in generale e per la musica in tutte le sue più diverse espressioni.

Dal 1984 al 1990 ha contribuito alla formazione e collaborato stabilmente con il gruppo Scarbo per l'esecuzione e la diffusione della musica contemporanea: hanno scritto per lei Magnaghi, Piacentini, Mariani e Ugoletti. Parallelamente svolge un’intensa attività cameristica che l’ha vista collaborare con numerosi musicisti: G. Baffero, R. Fededegni, S. Kalcev, E. Cosmo, A. Tinillini, G. Parma, G. Cambursano, P. Rosso, C. Pavolini, C. Marzorati, G. Beluffi, G. Brustia, I. Pavarani, S. Redaelli, R. Redoglia, S. Corsini e molti altri.

Con Ruggero Fededegni ha eseguito più volte l'integrale delle Sonate di Beethoven per violino e pianoforte e, insieme al violoncellista Guido Parma, l'integrale dei trii di Beethoven.Dal 2005 suona con il violinista Claudio Marzorati con cui, dal 2009, insieme al violoncellista Graziano Beluffi, ha costituito il Trio musicadarte: l’esperienza solistica dei componenti del trio lo rende da subito una formazione di grande rilievo, infatti sono invitati a suonare regolarmente in sale e teatri in Italia e all’estero.

Si è accostata alla musica jazz suonando in più occasioni con musicisti-amici come Renato Sellani, Arrigo Cappelletti e Gianni Alberti, mettendo in luce la contiguità tra i due generi che ha caratterizzato il lavoro di alcuni compositori del '900 come, per esempio, George Gershwin e Dave Brubeck. Molto interessante la sua ricerca per integrare e creare sinestesia con le altre arti.

Da un lato con la recitazione, creando spettacoli che talvolta sconfinano nel teatro: ha collaborato con Giorgio Strehler, Luigi Maio, Gianni Ferrario, Angelo De Mattia, Francesca Paganini, Paola Martelli ecc. Dall'altro con le arti visuali, creando spettacoli di notevole suggestione, proiettando durante il concerto su più pareti del palcoscenico immagini in video appositamente progettate e realizzate da videoartisti per le musiche da lei eseguite.

Sono un esempio di questi spettacoli-concerto gli Impressionisti (con musiche di Ravel, Debussy e Satie) le Variazioni Goldberg, gli Etude-Tableaux di Sergei Rachmaninof. È docente al Conservatorio G. Verdi di Milano. Ha fondato ed è Direttrice Didattica del CMT - Centro Musicale Territoriale. Ha inciso per Sony BMG e Symposium.

Rosanna Bagnis arpista

Affascinante virtuosismo tecnico e slancio interpretativo musicale portato avanti per molti anni con una attiva carriera concertistica internazionale.

Musicista poliedrica compie i suoi studi presso il Conservatorio Statale di Musica di Cuneo con la prof. Beatrice Mosca Bertola diplomandosi brillantemente nel 1991, studiando privatamente e in contemporanea  pianoforte e canto lirico.

Dal 1998 amplia la sua formazione musicale specializzandosi in musica da camera creando le formazioni cameristiche Althea Harps duo di arpe, Il quartetto Arcadia flauto due arpe e clavicembalo,  Duo soprano e arpa, e dal 2012 il “ The Sylphes Music Ensemble” flauto, arpa percussioni celtiche  e danza, le musiche eseguite fanno parte di un vasto repertorio di trascrizioni e adattamenti da lei stessa curati, con queste formazioni è  protagonista negli anni successivi dei più importanti festival musicali internazionali Italiani, (Toscana Classica, Maggio Fiorentino, Terre d’Arezzo, Festival del Montalbano, Brianza classica, Torino classica, Piccolo Regio di Torino, i pomeriggi musicali del teatro La Fenice di Osimo, Castelli in scena, Festival delle terre di Liguria, Bertinoro Festival, Camerino Festival, Festival di Londra, Le Petite Soirèe della Stampa di Torino, Festival di Bellagio, Riflessi d’arte Festival delle terre del Lario, musica in circolo, Concerti di musica cameristica a Napoli al Palazzo Mastelloni, concerti di apertura di stagioni al teatro delle Grazie a Bergamo, Pizzicando mandolino e dintorni Bergamo, Lago Maggiore, Lago di Como, Svizzera Italiana). 

Si esibisce inoltre con prestigiose orchestre italiane, l’orchestra sinfonica della Valle d’Aosta e con l’orchestra da camera dell’Aquila in qualità di solista. Ha composto e trascritto per arpa e orchestra brani inediti eseguiti in prime assolute.

Nel Gennaio 2005 e2007 si esibisce per l’assegnazione della “Penna d’oro” a  Marcello Sorgi a  J.Navarro Valls  nel teatro del casinò di Sanremo.   Dal 2005 al 2009 in duo cameristico si è esibita dal vivo nell'ambito della colonna sonora di due spettacoli di cabaret scritti ed interpretati dal comico piemontese Bruno Gambarotta “La posta del cuore” e “La rai è anche (un po’) mia”, monologhi dell’autore spettacoli che sono stati realizzati nei più importanti teatri Italiani. 

La sua attività concertistica la vede protagonista non solo in Italia ma anche all’estero dove nel Maggio 2012 è stata invitata a tenere recital solistici a Stoccarda al Castello di Liebenstein in Germania. 

Di lei hanno parlato importanti testate giornalistiche Italiane quali: La Stampa nazionale, Il Corriere dell’Adriatico, Il Resto del Carlino, La Repubblica, Il Tirreno, Il Nazionale, Settimanale Idea, Targatocn. Inoltre a suonato per importanti stagioni internazionali come “Corde pizzicate” MITO,  e il Circolo della Stampa a Torino. Dal 2014 collabora stabilmente con Giovanni Lanzini primo clarinetto del quartetto Italiano di clarinetti nonchè fondatore dell'orchestra sinfonica di Grosseto, con Lanzini nel 2015 è stata protagonista di più importanti festival internazionali Italiani (Santa Fiora festival, I concerti al Circolo dei Canottieri a Napoli, Stagione musicale internazionale di Potenza dove Rai 3 ha proposto il concerto in televisione e la recensione , I concerti al tramonto in Maremma, ecc....)

Negli ultimi due anni moltissimi compositori contemporanei Italiani e non,  hanno richiesto la sua valutazione e opinione per brani e opere scritte per arpa sola e in formazione cameristica, anche opere liriche in partitura orchestrale e riduzione, nonché l’esecuzione in prima assoluta delle stesse opere.

Il canto lirico, tutt’oggi studio e passione che porto avanti da molti anni studiando privatamente e presso la Fondazione Fossano Musica. La timbrica della voce è stata paragonata alla grande contralto Katleen Ferrier.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium