/ Cuneo e valli

Spazio Annunci della tua città

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cuneo e valli | mercoledì 13 giugno 2018, 16:00

"Nature Simboliche atmosfere di un mistero senza tempo", la mostra antologica di Marina Falco alla Fondazione Peano di Cuneo

L'inaugurazione sabato 23 giugno, la mostra sarà alla fondazione di Cuneo in Corso Francia fino al 22 luglio 2018

Marina Falco

La mostra presenta un’esposizione di opere (dipinti) riassuntive del percorso artistico di Marina Falco (Napoli, 1967) incentrato negli anni più recenti (2012 – 2017) sul tema della natura. La natura indagata nel suo aspetto paesaggistico, con la rappresentazione di boschi, foreste, vegetazioni e radure ma anche esplorata nel suo aspetto simbolico, talora segreto e misterioso, talvolta più espresso e svelato. La “monografica” rassegna, esaustiva nell’indagare quest’ultima fase di ricerca dell’artista, offre anche l’opportunità di vedere opere importanti di grande dimensione.

 

Dal testo in catalogo di Giovanni Cerri:

[…] Ma ancor più, riferendomi poi ai quadri di Marina, citerei dell’autore tedesco La tomba di Arminio, un’opera che rappresenta appunto la tomba di Hermann, l’eroe tedesco che sconfisse i Romani nel I sec. d.C. La selva è dipinta a tutto quadro, non c’è orizzonte né cielo. Il sepolcro è tutt’uno con le rocce, gli alberi, la terra. Come se quella pietra tombale – simbolo del termine della vita terrena - fosse l’inizio di una nuova esistenza nella natura, una ri-nascita nel misterioso bosco. Ecco, osservando il ciclo sulla natura della Falco, ritrovo alcuni elementi di quelle lontane atmosfere romantiche e contemplative, un po’ fosche e cimiteriali, in cui le figure di Friedrich si presentano sempre di spalle, guardano al di là in un lontano altrove, sono immerse in loro riflessioni e non ci considerano, non si accorgono nemmeno di noi. Quelle figure ora sono sparite, dissolte. Non appartengono più al nostro mondo, si sono estinte. Gli alberi spogli e solitari, così come le radure e i viottoli che si perdono nelle oscurità boscose sono rimaste, come testimonianze della persistenza della natura che sopravvive al tempo più limitato degli uomini. 

Marina Falco è nata a Napoli nel 1967, diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, dove è ora titolare di una delle cattedre di Anatomia Artistica. La sua attività espositiva è iniziata nel 1989 e da allora è presente in mostre personali e rassegne nazionali e internazionali (Belgio, Germania, Giappone, Romania, Svizzera, U.S.A.). Nel 2011 l’artista è stata invitata alla 54° Edizione della Biennale di Venezia (Esposizione a Palazzo Nervi, Torino) curata da Vittorio Sgarbi.

Orari di apertura:

giovedì, venerdì, sabato e domenica h. 16.00 – 19.00

Dal 23 giugno al 22 luglio 2018

www.fondazionepeano.it -  fb Fondazione Peano -  cell. 3497508085

www.galleriamagenta.it  -  www.marinafalco.it

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore