/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 14 giugno 2018, 21:18

“Attacco al Debito Pubblico”: il senatore Perosino presenta a Roma il convegno albese

Al Teatro Sociale sabato 23 giugno dalle 10 alle 12, in collaborazione con “l’Associazione la Forza delle Idee”. Perosino: "Attaccare il debito pubblico è una necessità non un’eventualità"

"Attaccare il debito pubblico è una necessità non un’eventualità ed è altresì indispensabile attuare misure shock per innescare una crescita forte e costante dell’economia italiana".

Lo ha ribadito il senatore Marco Perosino questa mattina in Senato in Sala Nassirya in occasione della presentazione del convegno dal titolo “Attacco al Debito Pubblico” organizzato in collaborazione con “l’Associazione la Forza delle Idee” che avrà luogo ad Alba CN nel Teatro Sociale G. Busca il 23 giugno dalle 10 alle 12.

Il debito pubblico italiano ha toccato quota 2 mila 300 miliardi di euro. Gli interessi pagati l'anno scorso dall'Italia sono stati di 65 miliardi 600 milioni. Il Rapporto fra debito pubblico è allineato al 131,8%. C'è quindi grande timore per le sorti delle finanze italiane il cui debito è per un terzo in mani straniere. Nonostante le entrate siano maggiori delle uscite, con il pagamento degli interessi, il debito del Paese Italia aumenta.

Questa mattina alla presenza della Sen Maria Rizzotti, il Sen Dario Damiani, il Vicepresidente del Consiglio Regionale del Piemonte Franco Graglia e di numerosi giornalisti e di funzionari, il Sen Marco Perosino e il Presidente dell'ass. la Forza delle Idee Pier Paolo Guelfo hanno evidenziato quanto sia importante sensibilizzare l'opinione pubblica su questo tema.

"La maggioranza degli italiani ignora o non è consapevole della gravità e del peso che il debito pubblico ha sull’economia reale con un calo delle proprie finanze e del risparmio. Manca un senso generale di responsabilità. Non possiamo lasciare alle future generazioni problemi pregressi che ci portiamo avanti da troppo tempo."

E' totalmente assente la consapevolezza del rischio, siamo soggetti ad attacchi continui di speculazione finanziaria che possono mettere in ginocchio il nostro Paese. Una cosa è di tutta evidenza: la situazione economico-finanziaria pubblica e privata, è condizionata dal “macigno” del debito pubblico che ha raggiunto numeri che hanno sforato tutti i parametri di riferimento. Per questo diventa indispensabile agire su provvedimenti efficaci di grande impatto, con lo scopo di abbattere il debito pubblico e di creare misure shock in grado di innescare in meccanismo virtuoso tale da far ripartire l’economia dell’Italia. In questi anni sono state poste all’attenzione dei precedenti Governi molte formule tra cui una studiata da Paolo Panerai di Milano Finanza e dal neo Ministro Paolo Savona.

Studi che devono essere trasformati in proposte politiche. A tal proposito l'Associazione “La forza delle Idee” su volontà del senatore Marco Perosino (Forza Italia) ha organizzato il convegno dal titolo “Attacco al debito pubblico” che si terrà al Teatro Sociale “G. Busca” di Alba (Cuneo), il prossimo 23 giugno dalle 10 alle 12.

Relatori: Professor Carnevale Maffè (economista e giornalista); Dott. Gianfranco Torriero (Vice Direttore Generale ABI); Dott. Edoardo Reviglio (Cassa Depositi e Prestiti). Interverranno: Dott. Beppe Ghisolfi (Scrittore economista) Professor Valerio Malvezzi (Università di Pavia). Concludono i lavori: Dott. Marco Perosino (Senatore) Dott. Alberto Cirio (Parlamentare Europeo) .

Sarà un modo per affrontare un tema importante e aumentarne l’attenzione. Ridurre il debito pubblico abbassando il costo degli interessi rispetto ai parametri europei e rinegoziare il fiscal-compact. “Liberare” dalla morsa del debito il mercato, significa maggiori investimenti e spazi finanziari per i piccoli comuni.

Ci sono proposte che possono portare ad una discussione costruttiva e che stimolino un'inversione di tendenza che ridia fiato all'ormai asfittica economia italiana? “In campagna elettorale, interpretando gli umori dei cittadini, ho intuito che il problema debito (vero limite a ogni politica, a ogni finanziaria, alla crescita) è sentito da tutti. Come promesso ho organizzato un convegno al fine di formulare delle soluzioni. Esistono 4-5 opzioni di dibattito che si svilupperanno nel corso del convegno attraverso l'intervento di personalità di primo piano per arrivare ad elaborare una bozza politica che porti ad una svolta-proposta per un vero sviluppo che contribuisca ad un circolo virtuoso di entrate e spese pubbliche private. Ci proviamo ad Alba con l’aiuto di amici di alto livello istituzionale e giornalisti. Il convegno è pubblico, aperto a tutti, con temi difficili trattati con linguaggio semplice e intuitivo. Pensate a questi numeri: il debito cresce di 70 mila euro al minuto – 4 milioni 200 mila euro all'ora – 100 milioni di euro al giorno (!). Prodotto Interno Lordo 1.716.935 milioni di euro”, dichiara il senatore Perosino.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore