/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | lunedì 18 giugno 2018, 21:03

Mercato del lavoro: occupazione in crescita (anche) in Granda nel primo trimestre 2018

L'assessore regionale Gianna Pentenero: "Restano elementi di preoccupazione legati ad esempio alle diverse crisi industriali aperte"

Foto generica

Cresce più che nel resto d’Italia l’occupazione in Piemonte nel primo trimestre 2018, secondo le stime dell’indagine sulle forze di lavoro diffuse nei giorni scorsi dall’Istat ed elaborate dall’osservatorio regionale del mercato del lavoro. Tra gennaio e marzo il numero di occupati è infatti aumentato nella nostra regione di 43 mila unità, il 2,4% in più rispetto allo stesso periodo del 2017, a fronte di una media nazionale di +0,6% (pari a 147 mila unità), mentre i disoccupati sono calati di 38 mila unità (-18,3% rispetto al primo trimestre 2017).

Si consolida, dunque, la dinamica espansiva registrata nella seconda metà dello scorso anno, in particolare nell’ultimo trimestre, quando gli occupati erano 36 mila in più e i disoccupati 18 mila in meno.

La crescita dell’occupazione è, in termini percentuali, superiore anche alla media delle altre regioni del Nord d’Italia dove, con l’eccezione di Trentino (+3,1%), Veneto (+1,6%) e Liguria (+1,4%), l’andamento occupazionale è caratterizzato dal segno meno.

L’incremento degli occupati in Piemonte si distribuisce equamente per genere (20 mila sono uomini, 23 mila donne) e interessa anche il lavoro autonomo (+18.000 unità), che nel 2017 aveva segnato una significativa diminuzione. Sul piano settoriale, si osserva un calo in agricoltura e commercio, che registrano rispettivamente 13 mila e 7 mila occupati in meno, mentre la spinta espansiva arriva soprattutto dal terziario non commerciale (+48.000 addetti, pari a +5,8%), ma presentano un saldo positivo anche le costruzioni (+11.000 occupati - +9,8%), comparto che a partire dalla seconda metà dello scorso anno sembra essersi risollevato dalla precedente situazione di difficoltà e l’industria manifatturiera (+5.000 unità - +1,1%), in recupero dopo la flessione dei trimestri precedenti.

Anche la riduzione della disoccupazione, ampia e generalizzata, risulta in termini percentuali (-18,3%) la più elevata fra le regioni del Nord, dove il calo si è attestato mediamente intorno al 6%, rispetto a una media nazionale del 4,3%. L’andamento si riflette sul tasso di disoccupazione che scende in Piemonte all’8,4% (rispetto al 10,3% del primo trimestre 2017), mentre la media del nord d’Italia è del 7%, con la Liguria unica regione a superare la soglia del 10%, e quella italiana dell’11,6%. 

Il quadro positivo è confermato anche dai dati sulle procedure di assunzione, tratti dalle comunicazioni obbligatorie delle imprese, che nei primi tre mesi del 2018 mostrano un incremento di circa 20.000 unità (+13,7%). Anche se a trainare la ripresa restano i contratti a tempo determinato, numericamente più consistenti, l’incremento interessa tutte le tipologie contrattuali, compresi i contratti a tempo indeterminato (+12,6%), mentre si conferma ancora una volta il trend di crescita dell’apprendistato (+25,4%), rivolto ai giovani fino a 29 anni.

Guardando all’andamento delle singole province, le procedure di assunzione sono caratterizzate ovunque dal segno più, con l’incremento maggiore (+37%) nel Vco, seguita da Biella (+23,6%), Vercelli (+17,8%), Cuneo (+16,9%), Novara (+15,6%). Al di sotto della media regionale si collocano Torino (+10,3%), Asti (+12,8%) e Alessandria (+13%).

I dati – dichiara l’assessora al Lavoro Gianna Pentenerovanno sicuramente valutati con cautela, trattandosi di stime trimestrali, che andranno verificate con l’andamento dei prossimi mesi, ma evidenziano senza dubbio il miglioramento del clima congiunturale in Piemonte e il rafforzamento delle tendenze positive emerse nel semestre precedente, con un recupero nei confronti delle principali regioni del Nord, nel 2017 più dinamiche della nostra. Restano, naturalmente, elementi di preoccupazione legati ad esempio alle diverse crisi industriali aperte, su cui l’impegno di questa amministrazione è massimo.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore