/ Attualità

Attualità | 19 giugno 2018, 13:01

I guardiaparco della Granda si occuperanno della ricerca di persone scomparse: firmato l'accordo con la Prefettura

Gli Enti Parco saranno allertati direttamente e potranno operare in coordinamento con le altre forze di polizia e di soccorso

I guardiaparco della Granda si occuperanno della ricerca di persone scomparse: firmato l'accordo con la Prefettura

Da ieri i guardiaparco delle Aree Protette delle Alpi Marittime e delle Aree Protette del Monviso rientrano ufficialmente tra i soggetti deputati alla ricerca di persone scomparse. Un’attività che, in caso di necessità, viene attivata secondo i protocolli previsti dal Piano provinciale per le persone scomparse, adottato nel 2014 e predisposto dall’ufficio del Commissario straordinario per il Governo.

Lunedì 18 giugno, al Pian delle Gorre, località simbolo del Parco naturale Marguareis, è stata firmata la convenzione tra il prefetto di Cuneo, Giovanni Russo, il presidente delle Aree protette Alpi Marittime, Paolo Salsotto, e il presidente del Parco del Monviso, Gianfranco Marengo, che prevede l’attivazione tempestiva del personale dei due Enti per la ricerca di scomparsi nel territorio dei rispettivi comuni e di quelli limitrofi.

I guardiaparco in situazioni di emergenza come quella delle persone scomparse sono una risorsa per il territorio e per i soggetti colpiti perché hanno una particolare conoscenza delle aree rurali e montane in cui prestano servizio ed hanno abitudine a muoversi in zone impervie e in condizioni difficili.

In diverse occasioni l’Ente ha dato la disponibilità – spiega il presidente Salsotto – a partecipare ad operazioni di ricerca, a mettere a disposizione mezzi ed attrezzature. Con questo accordo con l’Ufficio territoriale del Governo di Cuneo gli Enti Parco saranno allertati direttamente e potranno operare in coordinamento con le altre forze di polizia e di soccorso a beneficio delle persone scomparse.”

Questo accordo è un ulteriore elemento di sinergia tra gli Enti Parco della Provincia di Cuneo con altre Istituzioni e Associazioni del territorio per contribuire alla soluzione di problemi o cogliere opportunità che si presentano. Credo che dobbiamo essere orgogliosi di questo positivo esempio di collaborazione, probabilmente primo in Italia, che speriamo possa diffondersi nel Paese”, dice Marengo.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium