/ Attualità

Attualità | 19 giugno 2018, 17:34

“Necessario costruire il futuro di Verzuolo, non più solo polo dell’industria cartaria”

Nuovo incontro tra assessorato del lavoro e Rsu Burgo in programma per lunedì 25 giugno per stabilire le modalità di utilizzo dei servizi dell'agenzia Anpal. Il comune saluzzese è il primo in Regione ad accedere a questi servizi

“Necessario costruire il futuro di Verzuolo, non più solo polo dell’industria cartaria”

Partecipato incontro ieri, lunedì 18 giugno, presso Palazzo Drago a Verzuolo. Tema centrale della serata le “Idee per il Futuro” del comune saluzzese - che conta oltre 6mila abitanti – a seguito della crisi della cartiera Burgo che qui ha la sue radici da oltre cento anni. L’incontro arriva a seguito del consiglio comunale aperto dove era stata palesata la necessità di portare avanti delle politiche del lavoro da attuare insieme alle categorie produttive del territorio.

“Verzuolo non è più il comune dell’industria cartaria” – ha spiegato il sindaco Giancarlo Panero“necessario sviluppare nuove forme di economia per questo territorio. Da evidenziare la crisi di natalità in questo comune: il 35% dei suoi abitanti siano ultra sessantenni, mentre sono 465 i verzuolesi iscritti all’Aire (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero ndr). Importante è attuare delle politiche in ottica 2025 potenziando i servizi di assistenza, le scuole, gli asili nido e l’occupazione. Il territorio ha inoltre delle criticità infrastrutturali materiali (ferrovia e trasporti) e immateriale (banda larga).”

Durante la serata si sono individuati i settori da portare avanti nei prossimi anni come le imprese del settore energia, il turismo e l’indotto delle imprese legate al turismo, l’artigianato con un percorso di innovazione tecnologica attivando una rete per le piccole imprese.

Tra gli altri “business” valutati nel corso dell’incontro il commercio con la valorizzazione dei prodotti locali, l’agricoltura con un legame industriale (creando un polo agroindustriale), la cultura (a Verzuolo manca una libreria).

Si è portato inoltre avanti il discorso sulle periferie (borgo antico e frazioni). Il comune ha espresso l’impegno del recupero dell’area ex Cdm di Villanovetta oltre all’attivazione di un fondo comunale per le imprese che si insediano e che creano occupazione, accelerando i passaggi burocratici, alleggerendo i tributi per le aziende che investono e attivando una figura comunale per i bandi regionali e delle fondazioni bancarie.

Sulla vertenza Burgo è stata evidenziata nuovamente la necessità di intervenire tramite gli investimenti per riportare lo stabilimento ai vecchi volumi occupazionali (il polo cartario Burgo - con la joint venture Scott - negli anni ’70 dava lavoro a 1.500 famiglie).

Sulle mobilità un nuovo incontro con l’assessorato regionale del lavoro e le rappresentanze sindacali si terrà il 25 giugno presso il comune di Verzuolo per stabilire le modalità di utilizzo dei servizi dell'agenzia Anpal (Verzuolo è il primo comune in Piemonte ad accedere a questo nuovo strumento stabilito dalla legge di bilancio del 2018).

Durante la serata si sono toccati anche i temi degli impianti sportivi (dove per il 9 luglio è convocata una commissione per un'esame complessivo degli impianti) e dell'Itis di Verzuolo (espressa la volontaà di mantenerlo a Verzuolo con una modalità di tipo "Campus"). Intervenuti durante la serata il capogruppo di minoranza Giulio Testa, il vicesindaco Giampiero Pettiti, l'assessore Mattia Quaglia, i sindacati, una rappresentanza dell'Unione Industriale e dell'azienda Rivoira Frutta.

“L’obiettivo dell’incontro è studiare Verzuolo per cambiare." - ha concluso il sindaco Panero - "E’ stata una serata di ascolto per raccogliere idee e proposte selezionarle e presentarle alle istituzioni. Non subire o raccattare, ma governare. Per costruire una Verzuolo nuova.”

Daniele Caponnetto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium