/ Attualità

Attualità | 20 giugno 2018, 12:00

Calo degli ordini e magazzini da smaltire, partita la cassa integrazione per otto settimane alla Riva Acciaio di Lesegno

L'ammortizzatore sociale durerà fino al 30 luglio e coinvolgerà circa 300 dipendenti

Calo degli ordini e magazzini da smaltire, partita la cassa integrazione per otto settimane alla Riva Acciaio di Lesegno

Un rallentamento (fisiologico di questo periodo secondo i sindacati) della produzione di acciaio si sta riversando sulla Riva Acciaio di Lesegno. Dall’11 giugno il gruppo specializzato nella produzione di acciai speciali ha aperto la cassa integrazione ordinaria per otto settimane con un sistema di turnazione.L’azienda – che conta circa 5.000 dipendenti tra gli stabilimenti italiani e all’estero – a Lesegno nello scorso anno aveva aumentato le maestranze con l’introduzione di 50 lavoratori interinali vista un’impennata delle commesse dopo anni di “magra”.La cassa durerà fino al 30 luglio e coinvolgerà circa 300 dipendenti. Nel mese di agosto ci sarà il fermo estivo – già programmato - dello stabilimento.

“Ci auguriamo che da settembre la situazione possa tornare alla normalità” – spiega Mauro Cagno Fim Cisl – “E che si tratti di una contrazione temporanea. I magazzini sono pieni, l’azienda ha dato rassicurazioni occupazionali anche sugli interinali.”

Daniele Caponnetto

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium