/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | domenica 08 luglio 2018, 09:03

"Intrecci Solidali": firmata a Mondovì la prima Carta Etica

Sottoscritto da 11 aziende, 13 associazioni e 3 liberi professionisti, il documento riassume e chiarifica gli obiettivi e i valori della rete di solidarietà

Nel tardo pomeriggio di ieri, venerdì 6 luglio, presso l’azienda agricola "Agritrutta" di San Biagio di Mondovì si è tenuta la sottoscrizione ufficiale della prima Carta Etica, firmata da 11 aziende, 13 associazioni e 3 liberi professionisti. Un momento storico di straordinaria importanza, non solo perché vede protagonisti enti pubblici, imprenditori privati e rappresentanti del mondo associativo locale, ma anche e soprattutto perché la costituzione di una rete solidale ha come obiettivo la partecipazione attiva per la soluzione dei problemi socio-economici che impattano sul territorio.

PROGETTO E OBIETTIVI - Come spiegano dal CSSM, fautore dell'iniziativa, "l'idea della Carta Etica è nata nell'ambito del progetto 'Intrecci Solidali', finanziato a valere sul bando 'Cantiere Nuovo Welfare 2015' della Fondazione CRC e attivo dal 2016 sul territorio del CSSM, composto da 28 Comuni suddivisi in 5 aree territoriali (Mondovì, Villanova Mondovì, Carrù, Dogliani e San Michele Mondovì). La crisi economica ha colpito duramente il territorio monregalese, incrementando le cosiddette 'nuove povertà', intese come condizione economica, senso di insicurezza, di fragilità di relazioni e precarietà lavorativa. Per questi motivi si è ritenuto necessario lavorare per costruire una mentalità di cittadinanza attiva che giunga a coinvolgere anche il tessuto aziendale territoriale".

L'AREA NETWORK - È nata così l'area network, di competenza della cooperativa "Caracol", "che attraverso i suoi operatori promuove la collaborazione tra diversi attori sociali e le amministrazioni comunali, al fine di costruire un modello di welfare di comunità, insieme alle realtà associative e produttive del territorio. Inoltre si stanno sviluppando reti di solidarietà all'interno delle diverse comunità territoriali anche attraverso i contratti di rete tra le PMI agricole, artigianali, turistiche. Questo percorso vuole valorizzare quanto esiste già di virtuoso nel territorio (aspetti paesaggistici, naturalistici, economici, culturali, ecc ...) nonché la promozione umana e l’integrazione tra i cittadini".

LA CARTA ETICA - Giungiamo così alla Carta Etica. "Nel Distretto di Villanova Mondovì, che comprende l’Unione Montana Mondolé, e nel Distretto di Mondovì, si è costituito un gruppo di lavoro che ha espresso la volontà di creare una rete di solidarietà - proseguono dal CSSM -, al fine di favorire la collaborazione nel territorio, stabilendo obiettivi e criteri comuni basati su princìpi di solidarietà e sostegno reciproci nei confronti della comunità, garantendo anche vantaggi per i singoli. Nel corso dei suoi incontri, il gruppo di lavoro ha elaborato una carta etica che riassume e chiarifica gli obiettivi e i valori della rete di solidarietà"

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore