/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | lunedì 09 luglio 2018, 19:05

Olimpiadi 2026, Graglia: appello a Chiamparino e Appendino affinchè si coinvolgano le montagne cuneesi nella programmazione

Il vicepresidente del Consiglio regionale piemontese appoggia la candidatura di Torino come città ospitante, ma sostiene il punto di forza che potrebbe rappresentare il cuneese

"Lancio un appello affinché il presidente Chiamparino e il sindaco Appendino raccolgano il suggerimento offerto dall'onorevole Enrico Costa di coinvolgere anche gli operatori delle montagna Cuneesi e delle altre province piemontesi nella programmazione dell'eventuale Olimpiade invernale 2026". Ad affermarlo il vicepresidente del Consiglio regionale piemontese, Franco Graglia.

Rimarca l'esponente di Forza Italia: "Le Olimpiadi, in quanto occasione unica di rilancio del territorio, devono essere un evento capace di coinvolgere l'intero Piemonte non solo una città o una provincia. La candidatura di Torino, quale città ospitante, é certamente una candidatura forte che però potrebbe divenirlo ancora di più se riuscisse a coinvolgere il mondo della neve della provincia di Cuneo, una realtà che é stata traino dello sviluppo dell'area negli ultimi anni generando oltre 200milioni di euro sull'indotto e dando lavoro a oltre 400 persone. Non dimentichiamo che il Cuneese può offrire 15 stazioni sciistiche e 20 centri fondo, per un totale di oltre 350 km per lo sci alpino e 280 km per lo sci nordico".

Conclude Graglia: "Chiamparino e Appendino raccolgano questo appello: in provincia di Cuneo siamo pronti per questa sfida e a lavorare insieme per dare ancora più forza alla candidatura di Torino"

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore