/ Cronaca

Cronaca | 10 luglio 2018, 12:45

"Avverto prima di sparare". Il questore Ricifari aumenterà i controlli sulla vendita di alcool e tabacchi ai minori

Negli ultimi giorni la polizia ha effettuato 14 verifiche a bar, tabaccherie e sale giochi tra Cuneo, Alba, Bagnolo Barge ed Envie. Sospesa una sala slot a Cuneo

Immagine di repertorio by Pixabay

Immagine di repertorio by Pixabay

Il questore di Cuneo Emanuele Ricifari ha annunciato che aumenterà i controlli nei confronti dei locali che vendono alcool e tabacchi ai minori. Nella conferenza stampa con i giornalisti di martedì 10 luglio ha detto: "Avverto prima di sparare". Ricifari ci tiene a far sapere ai gestori di bar, pub e tabaccherie che la questura sarà poco tollerante nei confronti di chi vende alcolici e sigarette ai minorenni. 

Ricifari ha deciso maggiori verifiche dopo che la polizia è intervenuta in piazza Galimberti perché c'erano dei ragazzi visibilmente ubriachi che facevano rumore e lanciavano pietre contro un muro. "È vero che in caso di danni è colpa dei ragazzini che hanno bevuto e lanciato pietre, ma dato che hanno 14 e 15 anni la responsabilità è anche di chi li ha fatti bere" ha detto Ricifari.

Negli ultimi giorni la polizia, con il supporto del personale dei Monopoli di Stato, ha eseguito 14 controlli in sale giochi e centri scommesse tra Cuneo, Alba, Barge, Bagnolo ed Envie. Sono state elevate diverse sanzioni amministrative.

In una sala di Cuneo e una di Barge invece le slot machine erano gestite da persone non autorizzate - cioè non era presente il titolare né il preposto - nonostante l'esercizio avesse l'autorizzazione. Dato che per la sala di Cuneo era il secondo reato di questo genere, la Questura ha disposto la sospensione temporanea dell'attività per una settimana.  Sotto esame altri esercizi pubblici: due a Cuneo, uno ad Alba, uno a Saluzzo e uno Manta.

Tibaldi - Mazzariello

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium