/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 11 luglio 2018, 17:30

Cuneo, quale futuro per Villa Invernizzi? Ugo Sturlese: "Nessun intervento in bilancio, e intanto il degrado aumenta"

Il consigliere comunale ha presentato un'interpellanza, chiedendo al sindaco e alla Giunta quali siano le strategie in merito al recupero di uno dei luoghi storici più importanti della città

L'ingresso di Villa Invernizzi - foto di repertorio

Il sindaco e la Giunta di Cuneo, hanno davvero in programma di effettuare interventi ispettivi e - nel caso - programmare manutenzioni straordinarie in merito all'edificio di Villa Invernizzi?

Sono queste le domande che il consigliere comunale Ugo Sturlese (Cuneo per i Beni Comuni) è tornato a proporre nella sua interpellanza, in vista del consiglio comunale di luglio.

Sturlese ricorda che il complesso della Villa possiede un importante valore storico (in quanto vecchia sede del Comando partigiano e alleato nell'ultima guerra) e architettonico (perché contenente scale, decori e affreschi di pregio, tutti documentati), tanto che la Sovrintendenza ai Beni Culturali ha posto l'edificio sotto tutela. Da questa decisione, è scaturita quella di modificare la progettazione urbanistica del sito locale, abolando anche la prosecuzione di via Serafino Arnaudo.

Nonostante questo - e nonostante le diverse esternazioni d'interesse da parte dei membri dell'amministrazione - , non parrebbe esserci nel bilancio della città alcuna voce che riguardi interventi relativi a Villa Invernizzi. E intanto le condizioni di degrado dell'edificio si aggravano sempre più.

Fermo restando che a seguito della tutela, se la Sovrintendenza Regionale non procede a conservare materialmente il bene tocca farlo al comune, Sturlese si chiede quale sia la strategia di recupero dell'amministrazione.

s.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore