/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 11 luglio 2018, 10:45

"Era un fiore, un bambino felice": a San Biagio di Centallo l'ultimo saluto al piccolo Alessio

Grande commozione e partecipazione all'interno della chiesa frazionale con la presenza dei bambini e dei giovani dell'Acr San Biagio che per l'occasione hanno indossato le magliette dell'associazione

Chiesa di frazione San Biagio gremita per l’ultimo saluto ad Alessio Mandrile, bambino di sei anni tragicamente e fatalmente investito lo scorso 9 luglio dal trattore guidato dal nonno all’interno dell’azienda agricola della frazione centallese. Grande commozione, oggi, mercoledì 11 luglio, nella chiesa del paese dove il parroco ha celebrato il funerale.

Tutta la comunità ha partecipato, con grande dolore e cordoglio. All'interno della chiesa frazionale anche i bambini e i giovani dell'Acr San Biagio, che per l'occasione hanno indossato le magliette dell'associazione.

"La morte arriva sempre troppo presto" - ha ricordato il parroco - "E oggi siamo qui a piangere la dipartita di Alessio che ha sconvolto tutti. In questo momento di dolore è necessario riappropriarsi della serenità. Alessio era un fiore, un bambino felice. Sia per noi esempio di gioia, speranza, spensieratezza."

Alessio lascia la mamma Cinzia, il papà Luca e la sorella Carola.

Sull’incidente la Procura ha dato il via ad un’inchiesta per omicidio colposo nei confronti del nonno, il quale stava guidando il mezzo al momento dell’incidente. Ricordiamo che le indagini – portate avanti dallo Spresal, dall’AslCn1 e dai carabinieri di Centallo - sono una prassi necessaria per chiarire eventuali responsabilità di quello che è stato una tragica fatalità.

Daniele Caponnetto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore