/ Agricoltura

Agricoltura | giovedì 12 luglio 2018, 17:42

Lo Studio Agrieuro spiega le nuove direttive ministeriali

Dal Ministero differimento dei termini per domande di sostegno e pagamento relative al rimborso parziale dei premi pagati per le polizze vegetali campagne 2015 e 2017

Lo Studio Agrieuro spiega le nuove direttive ministeriali

Lo Studio AGRIEURO illustra come il Ministero abbia concesso tempistiche più lunghe per il completamento di alcune pratiche relative ai rimborsi di parte dei premi pagati per le polizze vegetali campagne 2015 e 2017.

La Misura 17.1 del PSRN, come, ormai, noto, è quella che si occupa di rimborsi assicurativi. In sostanza, l’agricoltore che presenti le opportune pratiche nell’ambito della Misura 17.1 può accedere, a determinate condizioni, ad un contributo a titolo di rimborso di parte del premio pagato per stipulare polizze a copertura dei danni a cui possono andare incontro, tra il resto, le produzioni vegetali.

Le pratiche necessarie, sommariamente, sono le seguenti. Innanzitutto, può essere necessaria la redazione della Manifestazione di Interesse, specie nei casi in cui ci si trovi nell’impossibilità di redigere il PAI e si abbia la necessità di stipulare la polizza. Altro passo di rilevante importanza è la compilazione del PAI, che sta per Piano Assicurativo Individuale, una pratica che mette in relazione il contenuto del fascicolo aziendale con la polizza che viene stipulata, andando a rapportare, ad esempio, superfici e tipologie di colture. I passi finali sono la presentazione di apposite domanda di sostegno e domanda di pagamento.

Stante la novità di questa procedura, che ha preso il via con la campagna 2015, vi sono alcune criticità dovute, presumibilmente, alle difficoltà di mettere in relazione due universi di dati piuttosto complessi: da un lato, le informazioni contenute nel fascicolo aziendale e, dall’altro, quelle inerenti le polizze che l’azienda agricola stipula.

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha, recentemente, stilato dei documenti con cui va a ridefinire alcune scadenze per le polizze vegetali, al fine di consentire la corretta e completa presentazione di tutte le domande.  Con riferimento alla campagna 2015, infatti, viene previsto un differimento dei termini per la presentazione delle domande di pagamento (Art. 12 Avviso pubblico 11 maggio 2016) al 31 agosto 2018 e, per le domande di sostegno presentate ma non ancora ammesse, viene comunicato che i termini per la presentazione delle relative domande di pagamento sono stabiliti dall’Organismo pagatore AGEA con proprie istruzioni operative, sentita l’Autorità di Gestione.

Per quanto concerne le domande campagna 2017, invece, viene proposto come termine per la presentazione dei PAI, per l’informatizzazione delle polizze e per la presentazione delle domande di sostegno la data del 1 ottobre 2018, mentre la scadenza per la presentazione delle domande di pagamento viene fissata al 20 novembre 2018.

Con questi provvedimenti, dunque, si apre uno spiraglio per riuscire a completare, in modo tempestivo e corretto, le domande, specie per le casistiche problematiche, al fine di consentire alle aziende agricole di incassare il contributo sulle assicurazioni.

Studio Agro-tecnico AGRIEURO

di Pasero Agr. Angelo

www.studioagrieuro.it

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore