/ Sanità

Sanità | giovedì 12 luglio 2018, 13:00

La Fondazione nuovo ospedale Alba-Bra incontra Sergio Chiamparino

È stato il primo appuntamento “ufficiale” per Bruno Ceretto, nuovo Presidente della Onlus

Il costruendo ospedale di Verduno

È stata una “stretta di mano” importante quella avvenuta tra Sergio Chiamparino, Presidente della Regione Piemonte e i vertici della Fondazione Nuovo Ospedale Alba-Bra, a testimonianza dell’impegno reciproco profuso per il nuovo nosocomio a Verduno.

L’incontro con Chiamparino, avvenuto ieri (mercoledì), presso l’ufficio di presidenza della Giunta Regionale, ha visto protagonisti Bruno Ceretto, presidente della Fondazione, Dario Rolfo, vicepresidente, Gianni Giordano consigliere d’amministrazione e Luciano Scalise, direttore generale.

Presenti anche Danilo Bono, ex Direttore Generale Asl CN2, attualmente dirigente dell’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte e Massimo Veglio Direttore Generale dell’Asl Cn2.

È stato il primo appuntamento “ufficiale” per Bruno Ceretto,  nuovo Presidente della Fondazione Nuovo Ospedale Alba-Bra. Bruno Ceretto e la Onlus hanno voluto ringraziare personalmente Sergio Chiamparino per l’impegno speso a far si che l’Ospedale a Verduno diventasse una realtà.

Impegno che ha visto mandare in “prima linea” Danilo Bono manager competente e di profonda esperienza in materia sanitaria e che ha saputo dirigere in maniera ottimale il difficile compito assegnatogli e di aver scelto un ottimo successore alla guida dell’Azienda Sanitaria Locale Alba-Bra.

L’incontro è stato anche l’occasione per raccontare cosa ha fatto la Fondazione e i prossimi obiettivi, quale ad esempio dotare il nuovo ospedale a Verduno della radioterapia, importante arma per la lotta contro il cancro.

Il progetto, grazie anche all’impegno della Regione Piemonte, sta diventando realtà. La Fondazione sta preparando altre notevoli sorprese per l’allestimento del nuovo ospedale.

La Onlus, che ha visto arrivare in questi giorni un’importante donazione dalla Ferrero, sta lavorando, insieme alle istituzioni sanitarie locali e regionali perché il nuovo nosocomio diventi un punto di riferimento per tutta la sanità regionale.

Bruno Ceretto ha dichiarato: “è stato un incontro molto piacevole, il presidente Sergio Chiamparino ci ha ringraziato per l’operato della Fondazione e ci ha confermato che l’Ospedale a Verduno, molto probabilmente, sarà ultimato entro fine anno.

A nostra volta abbiamo ringraziato il Governatore per aver sbloccato i lavori per il nuovo nosocomio.

Prossima intenzione è quella di incontrare al più presto il Presidente dell’autostrada Asti-Cuneo Giovanni Quaglia, per presentare alcune idee per la bretella a fianco della futura autostrada che alleggerisca il tempo di percorrenza da Alba e da Bra”.

“Siamo stati a parlare con il presidente Chiamparino pensando al nuovo ospedale come una struttura già finita - hanno aggiunto Dario Rolfo e Gianni Giordano - Stiamo procedendo a tutti gli acquisti, grazie anche all’ultima donazione della Ferrero, che ringraziamo per la fiducia. Il nostro desiderio ora è che il nosocomio a Verduno, oltre a struttura di eccellenza diventi anche eccellente nel servizio. In quest’ottica lavoreremo fianco a fianco con Massimo Veglio e Danilo Bono per sollecitare persone motivate e abili a venire a lavorare per il nostro territorio e per la nostra sanità”.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore