/ Cronaca

Cronaca | 13 luglio 2018, 09:14

È iniziata sulla Torino-Savona la folle corsa del criminale arrestato dalla Polizia a Centallo (VIDEO)

L’uomo, nella mattinata di ieri (giovedì) ha rubato una Fiat 600 a Trento. Intercettato dalla Polstrada tra Marene e Fossano, è uscito a Cuneo. Nelle campagne centallesi, poi, ha cercato di nascondersi in campi di meliga, ma la segnalazione di un residente ne ha permesso l’arresto

Immagine di repertorio - Foto tratta dalla pagina Fb "Polizia Stradale passione e tradizione"

Immagine di repertorio - Foto tratta dalla pagina Fb "Polizia Stradale passione e tradizione"

È iniziato sulla Torino-Savona l’inseguimento del giovane ragazzo italiano arrestato nel tardo pomeriggio di ieri (giovedì) nelle campagne di Centallo.

Per braccare l’uomo, pregiudicato, sono state messe in campo diverse pattuglie della Polizia di Stato e della Polizia stradale.

I fatti, comunque, risalgono già alla mattinata di ieri, quando il giovane ha rubato una Fiat 600 di colore beige a Trento. Da qui ha incominciato a girovagare per il Nord Italia, sino a quando ha deciso, non si sa se volutamente o meno, di imboccare l’autostrada A6, in direzione Torino.

Il suo “viaggio”, nonostante la targa dell’auto fosse segnalata in tutta Italia come veicolo rubato, è proseguito indisturbato sino ad una stazione di servizio situata tra Marene e Fossano. Qui, l’uomo ha fatto rifornimento, salvo poi allontanarsi senza pagare il carburante. Poco dopo è stato intercettato da una pattuglia della Polstrada in servizio autostradale e, non osservando l’alt degli agenti, è iniziato l’inseguimento, durato poi alcune ore.

La folle corsa del giovane, che oltre a mettere a repentaglio la vita degli agenti di Polizia ha messo in serio pericolo anche quella di centinaia di utenti della strada, lo ha portato poi a Cuneo. L’uomo ha deciso di uscire dall’autostrada ma, giunto in località Madonna dell’Olmo, la Polizia ha stretto la morsa, mettendo alle strette il fuggitivo.

L’auto con alla guida il malvivente ha percorso alcune volte via Torino, ad altissima velocità. Per cercare di bloccarla, la Stradale, ha dapprima speronato il veicolo, salvo poi, nei pressi del concessionario d’auto “Idea usato”, fermare due tir in centro strada, nel tentativo di bloccare la corsa della “600”.

L’uomo, però, ha proceduto in direzione Centallo, dove a sua volta ha abbandonato l’auto per nascondersi all’interno di alcuni campi di meliga. Si è aperta dunque una “caccia all’uomo”, con agenti della Polizia che hanno setacciato il territorio delle campagne centallesi, chiedendo ai residenti di rimanere chiusi in casa, di rimuovere le chiavi eventualmente lasciate all’interno delle automobili e – ovviamente – di segnalare ogni movimento sospetto.

Così è stato.

Un residente della zona, infatti, ha notato l’uomo che, dopo esser uscito da un campo di meliga, ha iniziato a correre, passando all’interno del proprio cortile di casa. Immediata la segnalazione agli agenti, che nel giro di pochi minuti hanno bloccato ed ammanettato il pregiudicato, che ora dovrà rispondere di una serie di reati, in primis, in ordine temporale, quello di furto.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium