/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | sabato 14 luglio 2018, 07:30

Stagionali della frutta di Saluzzo, il sindaco: “Sono disposto a consegnare la fascia al prefetto”

Dopo gli attacchi di Forza Italia e Lega Nord, le parole del presidente della Regione Chiamparino, abbiamo interpellato il primo cittadino Mauro Calderoni

Mauro Calderoni, al dormitorio temporaneo per i braccianti allestito al Foro Boario - FOTO MAURO PIOVANO

Continuano a rimanere alti, a Saluzzo, i toni sulla vicenda degli stagionali della frutta.

Specie in concomitanza con il periodo estivo, quando cresce la richiesta di manodopera nel settore agricolo e quando in città si registrano i picchi legati alla presenza di ragazzi di colore in cerca di un’occupazione.

L’ultima reazione del mondo politico è da ascrivere alla sezione cittadina della Lega Nord, che nei giorni scorsi ha parlato di “situazione fuori controllo”. Di pochi giorni prima, invece, quella di Forza Italia: “La politica di questi ultimi 10 anni dell’Amministrazione comunale di sinistra ha portato a questa situazione degenerativa.

Sergio Chiamparino, ieri (venerdì) ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito, dopo la visita al dormitorio temporaneo del Foro Boario allestito dal Comune, ritenendo la situazione “certamente complessa e di non facile gestione”, riconoscendo uno “sforzo congiunto, ed encomiabile, dei rappresentanti di tutte le istituzioni, a cominciare dal sindaco di Saluzzo, delle Forze dell’ordine, dei volontari, delle cooperative, delle organizzazioni sindacali e della Caritas”.

Tirato in ballo, seppur con toni e contesti diversi, dalle forze politiche cittadine e dal governatore del Piemonte, abbiamo interpellato in merito il sindaco di Saluzzo, Mauro Calderoni.

Il primo cittadino è concorde nel definire la situazione saluzzese “molto complessa”, ma aggiunge: “Coinvolge diverse istituzioni” e non solo, dunque, il Comune che egli stesso guida dal 2014.

Non entra nel merito delle polemiche di Forza Italia e Lega, se non con un accenno, senza mai peraltro citare i partiti: “Alcune forze politiche pensano di sfruttare questa criticità elettoralmente, ma il problema riguarda l’intera comunità saluzzese, ora e per il futuro”.

Calderoni torna ancora una volta su quello che, alla fin fine, è poi il “nocciolo” della questione.

Possiamo fare ogni sforzo – ammette - ma non abbiamo la competenza per risolvere a livello comunale questa faccenda”. Il rimando è chiaro, come già sottolineato più volte in passato, ed è rivolto alla politica, non di certo locale.

Non lo dico come scusante” ci dice ancora il sindaco, che poi dichiara tout-court: “su questo sono disposto a tutto, compreso portare la fascia al prefetto”.

La domanda è quindi inevitabile: la questione degli stagionali avrà il suo peso in una eventuale ricandidatura alle amministrative del 2019?

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore