/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | lunedì 16 luglio 2018, 19:03

Il Festival dei Saraceni di Bastia Mondovì continua con due nuovi concerti

Appuntamento il 19 e ancora il 21 luglio

Il flautista Luigi Lupo

Archiviato il Corso di Musica Antica che ha vivacizzato le vie di Pamparato con la presenza di un nutrito gruppo di giovani musicisti seguiti con amorevole attenzione da un team di docenti di alto livello, il Festival dei Saraceni prosegue con due concerti dedicati al grande Barocco e – in particolare – a due dei suoi esponenti più celebrati, vale a dire Johann Sebastian Bach e Antonio Vivaldi.

Giovedì 19 luglio alle ore 21 la rassegna si trasferirà nella Chiesa di San Fiorenzo di Bastia Mondovì, dove avrà luogo Caffè Zimmermann, uno stimolante concerto che vedrà grandi protagonisti i clavicembalisti Chiara Massini, giovane ma già affermata solista romana di adozione viennese, e Giorgio Tabacco, raffinato interprete del repertorio per tastiere antiche del XVII e XVIII secolo.

Il titolo del concerto fa riferimento al locale di Lipsia dove Johann Sebastian Bach eseguì di fronte a un pubblico comprensibilmente strabiliato di fronte alla sua valentia molte delle sue opere per clavicembalo, che verranno riproposte in tutta la loro bellezza e attualità.La storia della musica ruota spesso intorno a dualismi, che nella maggior parte dei casi non sono legati a rivalità, ma sono stati creati solo dai posteri. Uno dei dualismi più famosi dell’epoca barocca è quello che vede contrapposti Antonio Vivaldi e Johann Sebastian Bach, principale portabandiera della scuola veneziana il primo e genio di portata universale il secondo.

In realtà, tra i due compositori – che non si incontrarono mai di persona – non ci fu mai alcuna invidia, ma – anzi – il più giovane Bach dimostrò una profonda stima nei confronti del collega italiano, del quale trascrisse anche una serie di opere.

Sabato 21 luglio alle ore 21 l’Ensemble À l’antica – composto dal flautista Luigi Lupo, dalla violoncellista Rebeca Ferri e dalla clavicembalista Anna Fontana (tre bravissimi solisti con un passato nell’Academia Montis Regalis) – eseguirà nella Confraternita dei Disciplinandi di Torre Mondovì alcune delle pagine più amate di questi due grandi compositori, evocando immagini molto suggestive di un passato ricco di fascino. 

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore