/ Attualità

Attualità | 19 luglio 2018, 08:00

Carrù: la pista di elisoccorso con operatività notturna è realtà

Il volo inaugurale del mezzo a disposizione del 118 Piemonte avrà luogo martedì 24 luglio alle 20.45 presso l'eliporto intitolato all'ex assessore e consigliere comunale Aldo Caula, scomparso un anno fa

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Carrù si appresta a vivere un momento di per sé storico: alle 20.45 di martedì 24 luglio, infatti, si terrà la cerimonia inaugurale della pista di elisoccorso con operatività notturna, con tanto di decollo del mezzo a disposizione del 118 Piemonte.

Il nuovo eliporto, intitolato alla memoria di Aldo Caula, assessore e consigliere comunale scomparso un anno fa, sorge nell'area demaniale dell'ex tiro a segno, in via per Farigliano. "Si tratta di un'opera che dà tante soddisfazioni, poiché ha coinvolto moltissime realtà locali - commentava soltanto tre mesi fa il sindaco carrucese, Stefania Ieriti-. Fondamentale, indubbiamente, è il finanziamento ricevuto dalle Fondazioni CRC e CRT. Da segnalare anche la contribuzione della Pro Loco di Carrù e il sostegno del gruppo 'Volontari del Soccorso', avente sede a Clavesana, a cui verranno consegnate le chiavi della pista, e dello sponsor Banca Alpi Marittime".

La struttura è costata in tutto 116mila euro, ma la virtuosità dimostrata dall'amministrazione comunale in occasione della sua costruzione ha raccolto a inizio anno il plauso convinto dell'assessore regionale Antonio Saitta, che ha altresì incitato i Comuni alla realizzazione di piste di questo tipo, presenti in numero estremamente ridotto in Granda.

"Rendiamo un servizio che tornerà utile non solo alla cittadinanza carrucese, ma anche a una serie di Comuni limitrofi al nostro territorio - chiosava a suo tempo il primo cittadino -. Non dimentichiamo che, ad esempio, Clavesana, Magliano Alpi, Farigliano e Piozzo hanno manifestato sin da subito il loro sostegno all'iniziativa"

All'inaugurazione di martedì sono invitati tutti cittadini, adulti e bambini, e le associazioni locali. In tale contesto, sarà possibile incontrare i piloti e il personale e scoprire da vicino l'elicottero in dotazione al servizio di emergenza sanitaria.

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium