/ Agricoltura

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Che tempo fa

Cerca nel web

Agricoltura | sabato 21 luglio 2018, 19:02

Agricoltura, al via i conguagli da 730: ecco qualche chiarimento

E' di nuovo "quel periodo" dell'anno, per i tanti lavoratori della Granda: lo Studio Agrieuro illustra tutto il necessario per procedere con i conguagli

Foto generica

Come ogni anno, il periodo estivo è denso di appuntamenti sul calendario fiscale. Con l’elaborazione delle buste paga del mese di luglio, infatti, si dà il via, tra il resto, alle operazioni di conguaglio delle risultanze dei Modelli 730 presentati dai lavoratori dipendenti.

Ciò significa che, per i datori di lavoro che impieghino uno o più dipendenti che abbiano presentato la dichiarazione dei redditi di tipo Modello 730 e dal cui risultato emerga un credito o un debito in termini di imposta, potrebbero sussistere le condizioni per procedere al conguaglio.

I conguagli iniziano, tendenzialmente, ad essere presenti nelle buste paga relative alla mensilità di luglio. Con conguaglio si intende un’operazione di calcolo che, conteggiando la busta paga del mese, tenga anche conto del risultato fiscale del Modello 730 presentato dal dipendente. Ove il 730 termini con un debito,il conteggio della busta paga prevedrà una trattenuta, mentre, ove si evidenzi un credito, il cedolino conteggerà un maggior importo.

Si va, quindi, a chiudere la Dichiarazione dei redditi gestendo le imposte in capo al lavoratore.Grazie al sistema del conguaglio in busta paga, le operazioni di regolazione delle imposte, o dei crediti, per i lavoratori dipendenti sono snelle e semplificate: in moltissimi casi, si evita di dover procedere al versamento mediante Modello F24 e l’eventuale imposta o credito vengono regolamentati direttamente in cedolino.

Chiaramente, possono verificarsi casi in cui il risultato del Modello 730 del dipendente non riesca ad essere completamente conguagliato con il cedolino del mese di luglio; ecco, allora, che ci sarà un trascinamento delle operazioni di calcolo anche nei mesi successivi, purchè entro certi limiti.

Discorso analogo vale per i pensionati che abbiano presentato un Modello 730 indicando, come sostituto di imposta, l’INPS. Le imposte, infatti, vengono regolamentate nell’ambito del conteggio della pensione mensile dall’Istituto medesimo.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore