/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | domenica 22 luglio 2018, 12:04

Speleologo cade nella grotta della Mottera, 80 tecnici di soccorso in azione per recuperare l'uomo infortunato

Si tratta di G.G., impegnato con lo speleoclub Tanaro nella traversata dal Buco Fantozzi alla Colla degli Stanti, un percorso particolarmente apprezzato dagli speleologi. L'uomo è precipitato riportando lesioni multiple che gli hanno impedito di uscire autonomamente

Immagine di repertorio

Proseguono le operazioni di recupero dello speleologo caduto intorno alle 18 di ieri, sabato 21 luglio, nella grotta della Mottera, in alta Val Corsaglia nel comune di Frabosa Soprana.

L'uomo infortunato è G.G., impegnato con lo speleoclub Tanaro nella traversata dal Buco Fantozzi alla Colla degli Stanti, un percorso particolarmente apprezzato dagli speleologi. L'uomo è precipitato riportando lesioni multiple che gli hanno impedito di uscire autonomamente.

La richiesta di soccorso è partita intorno alle ore 21 presso la Cnsas il quale ha avviato l'operazione. Già in serata le prime squadre hanno raggiunto l’imbocco della grotta lungo un terreno impervio caratterizzato da un sentiero attrezzato e hanno iniziato l’avvicinamento ipogeo verso il ferito. Nel frattempo sono state mobilitate altre squadre dalle delegazioni di Liguria, Emilia Romagna, Marche, Lombardia e Toscana che in mattinata hanno raggiunto l’imbocco e hanno iniziato a operare. 

Allo stato attuale, il ferito è stato raggiunto dalle prime squadre composte anche da personale sanitario che ne hanno valutato l’entità dell’infortunio, lo hanno stabilizzato e lo hanno caricato sulla barella specifica per il soccorso speleologico. Nel frattempo è stato installato un cavo telefonico che consente le comunicazioni con il personale medico all’esterno per monitorare costantemente lo stato di salute dell’infortunato. Le altre squadre sono disposte lungo l’intera lunghezza della grotta, impegnate ad attrezzare carrucole e teleferiche per il recupero della barella. Complessivamente sono in azione 80 tecnici di soccorso speleologico del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS). 

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore