/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | lunedì 23 luglio 2018, 14:56

Fossano: doppio appuntamento con Cinedehors, il cinema dove non te lo aspetti

Giovedì 26 luglio alla Cascina del Pensolato di Sant’Antonio Baligio e domenica 29 in piscina comunale

Fossano: doppio appuntamento con Cinedehors, il cinema dove non te lo aspetti

Giovedì 26 e domenica 29 luglio ci sarà un doppio appuntamento con Cinedehors.

Giovedì 26 la sede di proiezione sarà quella della Cascina del Pensolato in Strada del Casalito 28 a Sant’Antonio Baligio. Luogo di seconde opportunità, la cascina ospita una cooperativa sociale agricola che impiega ex detenuti o detenuti in semi libertà creando una concreta opportunità di lavoro, progettazione, rinascita.

In collaborazione con la Fondazione NoiAltri e la Cooperativa Sociale il Pensolato sarà proiettato il film “Il luogo delle fragole” diretto nel 2013 da Maite Vitoria Daneris. Sarà messa a disponibile una navetta dal centro di Fossano per raggiungere la cascina anche in linea con il percorso ecologico dell’azienda e sarà offerto il gelato di Iano.

Lina ha 70 anni ed è una anziana contadina piemontese. La sua schiena è curva e rivolta verso la terra. Ogni mattina, al buio, parte da San Mauro, "il paese delle fragole”, per arrivare nel mercato all’aperto più grande di Europa: Porta Palazzo, dove vende la sua frutta, la sua verdura, e le sue fragole. La vita di Lina, come lei dice, è “casa, chiesa e lavoro”: Lina non ha figli, ma cinque cani e un marito (Gianni) che la spinge, inascoltato, a smettere di lavorare. Un giorno al mercato entra in scena Hassan, un giovane immigrato marocchino appena arrivato in Italia in cerca di lavoro... "El lugar de las fresas è la storia di Lina, Hassan e Gianni, raccontata dallo sguardo di una giovane cineasta spagnola, in un luogo comune e universale, come è un grande mercato all’aperto. El lugar de las fresas soprattutto è un film poetico, che mostra al pubblico il valore più essenziale e puro dell’essere umano attraverso il lavoro della terra."

Domenica 29 luglio la sede di proiezione sarà il parco della Piscina Comunale in Via Monsignor Soracco 15 In collaborazione con Vivisport e le Piscine di Fossano sarà proiettato “La forma dell’acqua” film del 2017 di Guillermo Del Toro. Dalle 19 aperitivo per l'ultima merenda cinoira di questa edizione. 

Nella sua nuova opera, La forma dell'acqua, il visionario Guillermo del Toro racconta una fiaba gotica ricca di suggestioni fantasy, ambientata nel pieno della Guerra Fredda americana (siamo nel 1963) e incentrata su una giovane eroina senza voce.  A causa del suo mutismo, l'addetta alle pulizie Elisa (Sally Hawkins) si sente intrappolata in un mondo di silenzio e solitudine, specchiandosi negli sguardi degli altri si vede come un essere incompleto e difettoso, così vive la routine quotidiana senza grosse ambizioni o aspettative.  Incaricate di ripulire un laboratorio segreto, Elisa e la collega Zelda (Octavia Spencer) si imbattono per caso in un pericoloso esperimento governativo: una creatura squamosa dall'aspetto umanoide, tenuta in una vasca sigillata piena d'acqua. Eliza si avvicina sempre di più al "mostro", costruendo con lui una tenera complicità che farà seriamente preoccupare i suoi superiori. Una favola adulta, intrisa di passione cinefila, e in grado di lanciare un messaggio di tolleranza e di amore che risuona fortissimo nel nostro presente. Con i piedi piantati nell'America ambigua dei primi anni Sessanta, guardando a classici immortali come La Bella e la Bestia come a B-Movie di culto come Il Mostro della Laguna Nera, Guillermo del Toro trova la quadra della sua ricerca estetica e tematica, supportato da un cast azzeccatissimo e in formissima. Il suo è un film di emozioni e sentimenti, di amore spirituale e perfino carnale (il sesso non è affatto un rimosso, in questo film, e anzi ne è parte essenziale: non è poco), capace di farsi anche discorso politico senza mai diventare per questo pedante o retorico. E che ha la capacità di restituire al nostro sguardo lo stupore infantile che forse abbiamo perduto.

Agata Pagani

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore