/ Solidarietà

Che tempo fa

Cerca nel web

Solidarietà | sabato 28 luglio 2018, 11:35

Bambini di Chernobyl ospitati da famiglie cuneesi per un'esperienza umana e solidale

I bambini hanno potuto trascorrere una vacanza allegra e spensierata che li ha visti protagonisti di camminate in montagna, tuffi in piscina, passeggiate nelle colline delle Langhe, visite alla fattoria didattica e al museo del treno a Savigliano

Bambini di Chernobyl ospitati da famiglie cuneesi per un'esperienza umana e solidale

Tempo di saluti per i bambini e i ragazzi bielorussi, meglio conosciuti come "bambini di Chernobyl", che anche quest'anno sono stati ospiti di una decina di famiglie cuneesi, in Peveragno e nei comuni limitrofi. Grazie alla generosità di queste famiglie, i bambini hanno potuto trascorrere una vacanza allegra e spensierata che li ha visti protagonisti di camminate in montagna, tuffi in piscina, passeggiate nelle colline delle Langhe, visite alla fattoria didattica e al museo del treno a Savigliano.

Novità di quest'anno è stata il progetto "Marine Up": un soggiorno marino presso l'Ostello Don Bosco ad Alassio dedicato a tutti i bambini ospitati dall'Associazione, reso possibile grazie ad un importante contributo della Fondazione Alstom. Al termine del soggiorno, nella serata dell'"Arrivederci al prossimo anno", i piccoli ospiti hanno espresso la loro riconoscenza e il loro ringraziamento attraverso balli e canti popolari, una bella esperienza di condivisione culturale.

Il sorriso dei bambini è ciò che più gratifica l'impegno delle famiglie ospitanti nell'offrire questa indimenticabile esperienza umana, da cui sorge un legame di solidarietà e amicizia con gli ospiti e, in alcuni casi, con le loro famiglie. Un Grazie particolare a tutti coloro che in vario modo, attraverso contributi economici, offerta gratuita di servizi e disponibilità nell'organizzazione di eventi, dimostrano sensibilità verso questa realtà e sono di grande supporto alle famiglie ospitanti.  

L'Associazione "Smile Onlus - per la Bielorussia" opera dal 1994 nel territorio piemontese e ligure impegnandosi a promuovere solidarietà nei confronti di bambini che vivono in zone particolarmente disagiate, le quali risentono ancora delle conseguenze disastrose causate dall'esplosione della centrale nucleare di Chernobyl, avvenuta nel 1986. Per migliorare la salute sia fisica che mentale dei bambini e ridurre il rischio di malattie riconducibili alla contaminazione radioattiva, l'Associazione propone un periodo di soggiorno estivo e/o invernale ai bambini bielorussi.

Uno studio scientifico ha dimostrato che la possibilità data a questi bambini di vivere temporaneamente in zone non contaminate e di alimentarsi con cibi sani, permette loro di perdere dal 40% al 60% della radioattività assorbita, riducendo così il rischio di essere colpiti dalle patologie tipiche legate alla radioattività, quali tumore alla tiroide e leucemia. Parallelamente, l'Associazione conduce e realizza progetti umanitari nei villaggi bielorussi da cui provengono i bambini, al fine di migliorare la qualità della vita di questi bambini e delle famiglie bielorusse.

Negli anni, sono stati costruiti ambulatori medici, servizi igienici nelle scuole, progetti caseari,... "Smile Onlus" organizza ogni anno l'accoglienza di oltre 100 bambini, ospitati presso famiglie del territorio piemontese e ligure, raggruppate in sei gruppi. Se anche tu vuoi far scordare Chernobyl donando un sorriso, aderisci alla campagna di accoglienza...

I BAMBINI BIELORUSSI ASPETTANO IL TUO GESTO SOLIDALE!  

Per maggiori informazioni sulle iniziative dell'Associazione e sul progetto di accoglienza, si possono contattare i responsabili dell'Associazione e/o del gruppo Smile – Peveragno, a cui si possono rivolgere anche i cittadini dei Comuni limitrofi.

CONTATTI Presidente "Smile Onlus - per la Bielorussia": Alessandra Giraudo 3392435752 – alessandra.giraudo@smileonlus.it

Responsabili gruppo Smile – Peveragno: Carlo 3452221255; Polina 3473728056 – smile.peveragno@gmail.com  

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore