/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 10 agosto 2018, 12:53

Controlli a tappeto nelle aziende agricole del saluzzese

Sono state ispezionate 10 imprese del territorio e oltre 80 lavoratori, nella quasi totalità stranieri di origine africana, impiegati nei campi nella raccolta della frutta. Una denuncia

A partire dal mese di luglio 2018, nell’ambito della campagna di controlli in materia di lavoro nel settore agricolo, i Carabinieri della Compagnia di Saluzzo, hanno attuato una fitta rete di controlli presso le aziende agricole nel territorio saluzzese, finalizzati alla verifica della regolarità delle assunzioni e al contrasto del caporalato.

Nel corso delle attività, eseguite dalle Stazioni di Saluzzo, Revello, Costigliole e Verzuolo, congiuntamente a personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Cuneo, sono state ispezionate ben 10 aziende agricole del territorio e oltre 80 lavoratori, nella quasi totalità stranieri di origine africana, impiegati nei campi nella raccolta della frutta.

Presso un’azienda agricola del luogo, i Carabinieri hanno sorpreso un bracciante africano privo di regolare contratto di lavoro. Il giovane, alla richiesta degli operanti, ha declinato le generalità di un suo connazionale regolarmente assunto presso quell’azienda ma assente in quel momento, esibendo copia di un permesso di soggiorno intestato a quest’ultimo.

Per lo straniero, poi riscontrato in possesso di permesso di soggiorno in corso di validità, è scattata una denuncia in stato di libertà per i reati di falsa attestazione a Pubblico Ufficiale e sostituzione di persona, mentre al titolare dell’azienda è stata comminata una sanzione amministrativa pecuniaria pari a 3.000,00 euro, per avere impiegato un lavoratore in nero.

I controlli proseguiranno nel mese in corso e nei successivi periodi, in coincidenza con la raccolta della mela.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore