/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 10 agosto 2018, 12:59

Cuneo, ubriaco si mette alla guida e provoca un rocambolesco incidente

Denunciato dalla Polizia di Stato un giovane di Bernezzo. Viaggiava su un’auto non revisionata. Solo fortunatamente non ci sono stati feriti gravi

Cuneo, ubriaco si mette alla guida e provoca un rocambolesco incidente

Due auto, un furgone ed un autoarticolato, sono rimasti coinvolti in un rocambolesco incidente a Cuneo, in via Valle Maira, proprio all’imbocco della rotonda stradale. E solo per una combinazione fortunata, nessuno è rimasto ferito in maniera grave, mentre le due automobili, nell’impatto, sono rimaste completamente distrutte.

A ricostruire l’intricata dinamica del sinistro, sono stati gli agenti della Polizia di Stato, intervenuti sul posto con le ambulanze dell’Emergenza sanitaria.

Una Fiat Bravo, con a bordo M.A. di 29 anni, residente a Bernezzo, stava percorrendo il ponte quando, nell’affrontare la rotonda in via Valle Maira, ha sbandato ed entrando nella rotatoria è andato a sbattere contro una vettura, una Toyota Yaris, che procedeva in senso opposto e stava anche lei imboccando la rotonda. Alla guida c’era una donna di Cuneo che, con prontezza di riflessi è riuscita ad evitare l’impatto frontale ma la Fiat l’ha comunque colpita tra la porta posteriore e la ruota, così che la sua vettura ha iniziato a roteare in mezzo alla strada.

A quel punto sono rimasti coinvolti anche un articolato ed un furgoncino che procedevano u o dietro alla Toyota e l’altro dietro la Fiat. Sul posto è immediatamente intervenuto il 118 con più ambulanze ma fortunatamente nessuna delle persone coinvolte nell’incidente, ha riportato gravi ferite.

Intanto gli agenti della Polizia di Stato hanno eseguito l’alcoltest su M.A. che, al secodo rilievo, era di 1,60. Inoltre da un controllo dei documenti della vettura è risultato che la Bravo non era stata revisionata. L’auto è stata quindi sequestrata e la patente ritirata.

NaMur

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore