/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | sabato 08 settembre 2018, 12:01

#controcorrente: l'Unione Europea, che anche sull'ora solare o quella legale non decide, è deprimente

E, poi, forse dovrebbe occuparsi di politica ed economia comune. A partire dalla gestione dei migranti. Invece, è diventata un'Armata Brancaleone che ha massacrato le speranze di unità dei padri fondatori

Alla fine dello scorso mese la Commissione europea ha reso noto i dati di un sondaggio pubblico on line, lanciato tra i cittadini dell’Unione dal 14 luglio al 16 agosto, in cui si chiedeva se abolire o meno lo spostamento obbligatorio delle lancette dell’orologio due volte l’anno (ora solare e ora legale). Hanno risposto in 4 milioni e 600 mila persone. In Italia sono state 30 mila. Poche, davvero. Ma, viene da chiedersi, quanti lo sapevano?

In ogni caso l’84% dei partecipanti all’indagine, soprattutto appartenenti ai Paesi membri del Nord e dell’Est europeo, hanno scelto per nessun cambio: quindi o l’ora estiva o quella invernale. Il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, ha detto che “l’estiva sarà la regola”. Però, verrà lasciata ai singoli Stati la libertà di decidere per una o l’altra soluzione. Cioè praticamente ognuno si comporterà come vuole. Con il rischio di una baraonda lancette, che farebbe saltare il doppio orario armonizzato in tutte le nazioni dell’Unione Europea entrato in vigore a partire dal 2000. Ma non basta. L’eventuale modifica dovrà ottenere l’ok del Parlamento e del Consiglio europeo.

Spendere i soldi dei 500 milioni di abitanti della Ue per una consultazione alla quale ha risposto nemmeno il 10% dei cittadini è uno spreco di denaro. E dover aprire un dibattito, magari anche litigando, nelle sedi istituzionali Ue, su un tema insignificante come l’ora da adottare è altrettanto deprimente. L’organismo comunitario dovrebbe occuparsi di trovare delle posizioni condivise sulla politica estera, i dazi, l’economia, il bilancio, la gestione dei migranti, le strategie militari. Un miraggio? Parrebbe proprio di sì se anche sullo spostamento delle lancette non riesce ad assumere una decisione che valga per tutti.

La Ue con la quale dobbiamo fare i conti in questi ultimi anni è diventata un’Armata Brancaleone, che ha massacrato le speranze di unità dei padri fondatori.  

#controcorrente

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore