/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | lunedì 10 settembre 2018, 21:00

Successo per la rievocazione storica “Un giorno a Saluzzo accadde…” (FOTO)

Anche il vescovo, monsignor Cristiano Bodo, chiamato a presiedere la celebrazione eucaristica della domenica, ha dimostrato di partecipare con vivo interesse all’iniziativa

Alcuni scatti della rievocazione (FOTO MAURO PIOVANO)

Alcuni scatti della rievocazione (FOTO MAURO PIOVANO)

Si è conclusa con la vittoria di Saluzzo, lo scontro armato scaturito dalle lotte intestine tra il Marchese e suo zio, detentore del feudo di Cardè. Da tempo, quest’ultimo smaniava di impossessarsi delle terre e del trono del Marchesato di Saluzzo.

Ma il tentativo di spodestare il nipote è andato in fumo e le forze alleate del Marchese di Saluzzo hanno avuto la meglio sugli avversari.

Sabato 08 e domenica 09 settembre nel parco professor Pietro Gullino è andata in scena la 28esima edizione della Rievocazione storica che ha richiamato un folto pubblico. Anche il vescovo, monsignor Cristiano Bodo, chiamato a presiedere la celebrazione eucaristica della domenica, ha dimostrato di partecipare con vivo interesse. Ad impersonare il Marchese è stato l’attore Ugo Rizzato, quest’anno partner artistico della kermesse, affiancato da Loredana Civallero.

Il torneo di tiro con l’arco storico “Fontana della Drancia”, in programma domenica pomeriggio, ha assegnato il trofeo e la riproduzione in argento di una moneta del marchesato di Saluzzo alla vincitrice assoluta Simona Civallero del Gruppo storico del Saluzzese, mentre una copia del testo originale di Giovanni Andrea di Castellar sulla Storia del marchesato di Saluzzo è andata alla seconda classificata Tiziana Animini del Corteo Matildico di Quattro Castelli in provincia di Reggio Emilia che, insieme alla delegazione dell’associazione storico-culturale di Patti in provincia di Messina, era il gruppo proveniente da più lontano. 

Al terzo posto si è piazzata Sabrina Bertuol della Compagnia dell’Artiglio del Drago, vincitrice del trofeo riproducente un arciere nell’atto di scoccare la freccia.

Nella categoria juniores, Oreste, Mattia e Riccardo si sono classificati rispettivamente al primo, secondo e terzo posto: ai bambini è stato fatto omaggio di una collana realizzata su modello medievale, con ciondolo in legno policromo. Il pubblico, inoltre, ha avuto modo di apprezzare, sabato sera, lo spettacolo con il fuoco e, domenica, il carosello equestre, eclatante coreografia realizzata da quattordici cavalli.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore