/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 13 settembre 2018, 18:30

Burgo, Balocco convocherà un incontro con Rfi: "I volumi di carico della nuova linea restino il più possibile su rotaia"

L'assessore regionale ai Trasporti e alle Infrastrutture ha dichiarato di voler informare il governo (sia Mise che Mit) affinché assicuri un adeguato supporto alla questione. Con la riconversione della linea nona i tir passerebbero da 60 a 200 al giorno

Burgo, Balocco convocherà un incontro con Rfi: "I volumi di carico della nuova linea restino il più possibile su rotaia"

Dopo la notizia della riconversione della linea nona della cartiera Burgo di Verzuolo (da carta patinata a carta per imballaggi che porterebbe un aumento di traffico sulle strade del comune saluzzese da 60 a 200 tir al giorno, l'assessore regionale ai Trasporti e alle Infrastrutture Francesco Balocco ha scritto un post sulla propria pagina facebook in merito alla "delicata" questione. 

Riportiamo integralmente il post dell'assessore Balocco.

Un’azienda che, nonostante le difficoltà del mercato, scommette sul proprio futuro, non delocalizzando, ma riconvertendo la propria produzione per mantenere gli attuali livelli occupazionali, è di per se una buona notizia. È il caso della Burgo di Verzuolo, che in seguito alla crisi dell’editoria e quindi del mercato della carta patinata (nel quale è leader) non chiude, ma investe per passare alla produzione di cartoncino per imballaggi che invece è in crescita.

Tuttavia l’impatto che la nuova attività avrebbe sulla viabilità rischia di essere pesante perché le materie prime non arriverebbe più in azienda con mezzi ferroviari come avveniva in gran parte oggi, ma tramite il trasporto su gomma, essendo le piattaforme di selezione delle “cartacce“ più polverizzate e quasi mai collegate ai treni. Se ne è parlato nel corso di alcuni incontri organizzati dal Sindaco di Verzuolo Giancarlo Panero, con la presenza della Provincia con il Presidente Federico Borgna e la consigliera Milva Rinaudo e Regione.

Per individuare soluzioni che consentano di mantenere i volumi di carico, sia in entrata che in uscita (verso i mercati di sbocco), il più possibile su rotaia, convocherò nei prossimi giorni un incontro con l’azienda, RFI ed alcuni operatori ed esperti di logistica intermodale al fine di capire quali azioni possano essere messe in campo per agevolare l’utilizzo della ferrovia anche nel mutato scenario produttivo.

Inoltre la Regione coordinerà la sottoscrizione di un protocollo di intesa con la Burgo, RFI, La provincia e il Comune di Verzuolo per tradurre in impegni concreti le tappe per la realizzazione degli interventi necessari, in termini di infrastrutture e di modelli trasportistici.

La Burgo con i suoi 360 lavoratori rappresenta una realtà produttiva di primaria importanza per la provincia di Cuneo e per l’intera Regione. Per questo informerò il Governo (sia come MISE che come MIT), affinché assicuri un adeguato supporto alla questione.

Daniele Caponnetto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore