/ Agricoltura

Agricoltura | 17 settembre 2018, 08:00

“La sete dei campi”: a Rocca de’ Baldi si parla di “Acqua e agricoltura”

Giornata di studio, presso il castello, in programma sabato 22 settembre dalle ore 9.15 alle 18

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

“L’acqua è la sostanza da cui traggono origine tutte le cose”, così scriveva Talete di Mileto vissuto tra il VII e il VI secolo a. C.

Pensiamo, quindi, che anche nell’ambito della cultura e coltura della biodiversità sia necessario iniziare a parlare della risorsa acqua in rapporto all’agricoltura.

A fronte di una necessità crescente di acqua, le quantità effettivamente disponibili per uso agricolo sono in diminuzione a causa dei cambiamenti climatici, di una cattiva gestione delle risorse idriche e del territorio, e di molteplici altre concause.

Cosa fare?

Il Comizio Agrario di Mondovì, il Centro Studi Storico-Etnografici Museo Storico Etnografico “Augusto Doro”, l’Associazione Rurale Italiana e Legambiente Cuneo, nell’ambito della rassegna “Biodiversità: cultura e colture. Per la tutela e salvaguardia del paesaggio e dell’agricoltura tradizionale” organizzano una giornata di studio dal titolo “La sete dei campi. Acqua e agricoltura”. L’evento si terrà sabato 22 settembre presso il castello di Rocca de’ Baldi, Piazza Pio VII in Rocca de’ Baldi dalle ore 9.15 alle 18.

Ecco il programma: alle 9.15 accoglienza e registrazione dei partecipanti; ore 9.30 saluti e introduzione; ore 9.45 “Le risorse idriche del Monregalese” – Bartolomeo Vigna, professore associato presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture, Politecnico di Torino; ore 10.15 “L’invaso Serra degli Ulivi, una risorsa per l’agricoltura e l’ambiente” - Domenico Castelli, ingegnere della società STECI s.r.l. Engineering company, progettista dell’invaso; ore 10.45 “Risparmio idrico: quanto e come cambierà l’irrigazione nella nostra provincia?” – Franco Parola, responsabile Area ambiente e territorio Coldiretti Cuneo; ore 11.15 – 11.30 pausa caffè; ore 11.30 “L’acqua elemento vitale della nostra agricoltura” – Guido Cappellino, presidente del Consorzio irriguo Brobbio Pesio; ore 11.50 “Verso la gestione sostenibile dell'acqua” – Gianfranco Peano, Legambiente Cuneo; ore 12.10 dialogo e approfondimento con il pubblico; ore 13 pausa pranzo.

Pranzo comunitario al sacco nel Parco del Castello, con possibilità di polenta con sugo di salsiccia presso l’Osteria del Castello.

Ore 15 presentazione del progetto per le scuole elementari “Il viaggio di Stissa - AgroCultura. Conoscere il territorio” da parte di un gruppo di imprenditori della Rete “Intrecci solidali; ore 15–18 esposizione e scambio di semi e piante.

La Giornata di studio mira a offrire una riflessione approfondita di questi temi, puntando ad analizzare gestioni delle risorse idriche che garantiscono una riduzione degli sprechi e un’ottimizzazione dell’utilizzo dell’acqua, mantenendo livelli di produzione adeguati al soddisfacimento alimentare della popolazione.

La risorsa acqua e il suo razionale utilizzo è un argomento di riflessione e di impegno che coinvolge tutti i cittadini.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium