/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 21 settembre 2018, 12:47

Dopo l'annuncio della donazione della canonica alla Regione, sceso il silenzio sulla biblioteca di Marmora

A donarla, la Diocesi di Saluzzo, proprietaria dell'edificio dove padre Sergio De Piccoli fondò un monastero benedettino e dove sono custoditi più di 70mila volumi. La storia è stata raccontata nel film "La terra buona" del regista albese Emanuele Caruso

Dopo l'annuncio della donazione della canonica alla Regione, sceso il silenzio sulla biblioteca di Marmora

Si torna a parlare della biblioteca di Marmora, il sogno di padre Sergio De Piccoli, scomparso nel 2014. Oltre 70mila volumi raccolti in 40 anni, da mettere a disposizione di tutti, in quel luogo magico e isolato dove, alla fine degli anni '70, aveva fondato un monastero benedettino, a 1548 metri, in Val Maira.

Tanti anni di battaglie legali, fino alla bellissima notizia della donazione alla Regione Piemonte, da parte della Diocesi di Saluzzo, della canonica. Per iniziare finalmente la costruzione della biblioteca.

Tanto ha fatto, per promuovere la vicenda e farla conoscere a tutti, il film del regista albese Caruso "La terra buona", che racconta proprio la vicenda di padre Sergio, intrecciandola con altre vite. Il film sarà proiettato, come evento di chiusura della distribuzione della pellicola, domenica 23 settembre a TORINO in PIAZZA CASTELLO alle ore 21.15.

In molti, vedendo il film, si sono affezionati alla figura del benedettino e ne hanno sposato la causa. Tra questi l'assessora regionale Antonella Parigi, che ha fatto da intermediaria nell'annosa querelle tra Daniele Gangi, l'ex badante di padre Sergio, e la Diocesi di Saluzzo, proprietaria dell'immobile. Non solo, esiste anche una disputa sull'effettiva proprietà dei libri e sul loro valore.

Adesso, a distanza di qualche mese dall'annuncio della donazione - lo scorso giugno -, qualcuno si chiede: "Ma cosa sta succedendo?". Niente. Tutto fermo. I tempi della burocrazia pare siano lunghi. Oltre al fatto che ci sono timori anche in vista delle prossime elezioni regionali, nel 2019.

Ma non c'è stato nessun dietrofront da parte della Diocesi di Saluzzo. Il vescovo monsignor Cristiano Bodo lo ha confermato: "Da parte nostra non è cambiato niente, c'è la piena disponibilità ad andare incontro alle volontà di padre Sergio. Ci sono probabilmente lungaggini burocratiche, noi la nostra parte l'abbiamo fatta, adesso la questione è in mano alla Regione". 

L'occasione per chiedere alla Regione, nello specifico all'assessora Parigi, che cosa si sta effettivamente facendo per la costruzione della biblioteca, per la quale ci sarebbero già i soldi, frutto di tante donazioni, potrebbe essere l'incontro pubblico del prossimo 30 settembre a Torino.

Nell'ambito di Torino Spirtitualità la Parigi e il regista Emanuele Caruso rifletteranno proprio sulla figura di Padre Sergio, presso la Sala Grande del Circolo dei Lettori di Torino, alle 12. 

Non solo: domenica 23 settembre il regista Caruso salirà a Marmora. Ancora per Torino Spiritualità, è stata organizzata una giornata - sold out da tempo - tra sentieri e borgate panoramiche fino al paese dove si trova il labirinto di scaffali che custodisce il sogno di ogni lettore. 

 

Barbara Simonelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore