/ Attualità

Attualità | 24 settembre 2018, 08:02

Vicoforte: don Meo Bessone ricorda Viviane Babando

Durante la cerimonia di saluto ai fedeli, l'ormai ex rettore del Santuario ha manifestato la vicinanza alla famiglia della donna, vittima venerdì sera di un incidente stradale all'uscita della pizzeria "Rio della Plata"

Un momento della Santa Messa di saluto di don Meo Bessone

Un momento della Santa Messa di saluto di don Meo Bessone

"Sono rientrato pochi giorni fa dopo un'esperienza spirituale di 15 giorni in Terra Santa, in tempo, purtroppo, per assistere a una nuova tragedia": con queste parole don Meo Bessone, ormai ex rettore del Santuario di Vicoforte, ha commentato durante la Santa Messa di saluto ai suoi fedeli il tragico incidente stradale di venerdì 21 settembre, nel quale ha perso la vita la 68enne parigina Viviane Babando, residente in via delle Cappelle.

"Percorrendo la carreggiata quella sera - ha asserito il nuovo parroco di Dogliani - io e colui che guidava la vettura su cui viaggiavo abbiamo subito capito che poco prima doveva essere successo qualcosa di brutto e, poche ore dopo, abbiamo ricevuto la triste notizia".

Ricordiamo che la donna è stata travolta sulla statale 28 da una vettura diretta verso Mondovì, all'uscita della pizzeria "Rio della Plata". La tragica e prematura scomparsa di Viviane Babando ha suscitato enorme cordoglio in tutto il Monregalese: ex insegnante di francese, in passato aveva gestito un negozio di ceramiche ed era anche un'apprezzata pittrice. 

"Conservo ancor oggi - ha aggiunto don Meo Bessone - un piatto di ceramica dipinto a mano da lei, che mi consegnò nel settembre 1986, quando mi insediai nella parrocchia di Carassone. Mi sento vicino alla famiglia di Viviane"

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium