/ In&Out

Che tempo fa

Cerca nel web

In&Out | 07 ottobre 2018, 07:50

Da Chicago a Fossano alla scoperta di Terra Madre e del patrimonio culturale

Monica Simonds, delegata della condotta Slow Food di Chicago a Fossano in occasione di Terra Madre

Monica Simonds

Monica Simonds

Sono ormai trascorse quasi due settimane dalla conclusione di Terra Madre/Salone del Gusto, l’appuntamento biennale con i sapori e la cultura eno gastronomica di tutto il mondo nell’ottica del cibo buono, pulito e giusto teorizzata da Carlin Petrini.

Monica Simonds è una giovane di Chicago ed è venuta in Italia ospite, come altri 85 delegati delle famiglie della condotta di Fossano, una delle più ospitali in Piemonte. Giungono infatti nei comuni legati alla condotta Slow Food fossanese (Fossano, Bene Vagienna, Genola, Salmour, Triinità, Lequio Tanaro) tutta la delegazione francese e circa un quarto di quella statunitense: una tradizione che si ripete ormai da anni e che, complice la comune filosofia slow, ha contribuito a creare legami molto forti tra i delegati e le famiglie ospitanti.

- È la tua prima volta a Terra Madre?

Sì, ero già venuta in vacanza in Italia qualche anno fa, ma questa è la prima volta a Terra Madre, la prima volta a Torino e la prima volta a Fossano.

- Come sei arrivata a conoscere Terra Madre e la formula dell’ospitalità in famiglia?

Mi sono avvicinata alla condotta Slow Food di Chicago quando lavoravo in un ristorante chiamato “Osteria Langhe”, conoscevo il Piemonte, i suoi prodotti e i suoi vini, ma non ci ero mai venuta e non la conoscevo. Quando mi hanno proposto di candidarmi per rappresentare la condotta di Chicago a Torino non pensavo che sarei stata selezionata. Quando ho ricevuto la mail ero così emozionata!

- Sei soddisfatta di questa esperienza?

La realtà ha superato ogni mia aspettativa. È tutto infinitamente più coinvolgente di quanto mi aspettassi. Tutto è organizzato perfettamente sia al Salone del Gusto sia per quanto riguarda l’ospitalità in famiglia. Anche parlando con gli altri delegati ospiti nelle famiglie riteniamo che chi invece sceglie la soluzione in hotel o non trova posto in famiglia perda qualcosa di assolutamente coinvolgente.

Tornerò in Italia dalla famiglia che mi ha ospitato quando ci sarà terra madre nel 2020.

simone giraudi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium