/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 11 ottobre 2018, 15:15

Con il "decreto Salvini" a rischio il modello Sprar: almeno 5000 i richiedenti asilo che potrebbero finire in mezzo a una strada

Il governatore del Piemonte Chiamparino lancia un appello ai parlamentari piemontesi "per emendare il decreto"

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

"Appellarsi ai parlamentari piemontesi perché si possano apportare delle modifiche all'attuale decreto Salvini con emendamenti".

È l'appello che il governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino, ha rivolto al termine del vertice in Regione con i rappresentanti di molti degli SPRAR presenti sul territorio e con l'assessore Monica Cerutti.

Circa 40 le strutture in tutto, che coinvolgono 60 Comuni e che ora rischiano di essere smantellate.

Con il decreto infatti cambieranno alcune cose: i "nuovi" Sprar non avranno infatti né i richiedenti asilo né gli ospiti per motivi umanitari, che andranno nei Centri accoglienza straordinari (Cas), finendo a smantellare il modello di accoglienza diffusa che ha preso a radicarsi in Piemonte.

Un modello che in quattro anni ha visto aumentare la rete dei Comuni che volontariamente hanno messo a disposizione i posti Sprar, arrivando a raddoppiarli.

E le ricadute sono facilmente immaginabili: sono infatti circa 5000 le persone che, titolari dello status di rifugiati o in attesa di pronuncia, al passaggio della legge potrebbero trovarsi in mezzo a una strada. Letteralmente. E che quindi andrebbero a bussare alle porte dei servizi sociali.

O, nella peggiore delle ipotesi, cadere nella rete della criminalità, di cui sarebbero facili prede.

"Proveremo a chiedere che i progetti in essere vengano portati a termine, alcuni dei quali sono stati appena attivati - commenta Monica Cerutti, assessore regionale all'immigrazione - e, anche alla luce dei dati delle singole realtà, ci troveremo con i parlamentari piemontesi". "Il timore è che queste persone, lasciate a se stesse, possano diventare irregolari, anche se in possesso dei diritti per essere considerati rifugiati".

E poi si temono ricadute anche sugli addetti che operano negli Sprar e che potrebbero perdere il lavoro. Ulteriori dati, anche in questo caso, da raccogliere e sottoporre ai parlamentari.

Massimiliano Sciullo (www.torinoggi.it)

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore