/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | sabato 13 ottobre 2018, 17:23

Dopo mesi, La7 torna ad essere visibile sulle TV di Brossasco e di parte della Val Varaita

Il sindaco Amorisco parla di una “data storica”. Il disservizio perdurava dal 2017, quando l’emittente aveva cambiato le frequenze TV, senza aggiornare il ripetitore in località San Mauro

Immagine generica - Copyright Targatocn.it

Immagine generica - Copyright Targatocn.it

Parla di “una data storicaPaolo Amorisco, sindaco di Brossasco, riferendosi al 10 ottobre scorso, giorno in cui, in paese, è tornata ad essere visibile l’emittente televisiva di “La 7”.

Il canale TV risultava “scomparso” dagli schermi dal 2017.

Alla base del disservizio, spiegano dal Comune, il passaggio dal Mux “Timb3” al Mux “Cairo 2”. In gergo, il “Mux”, o Multiplex, è un sistema di diffusione digitale del segnale televisivo usato nel digitale terrestre, ma anche nella tv satellitare e via cavo, tramite il quale più canali televisivi, radiofonici o di dati, vengono diffusi assieme sulla medesima banda di frequenze grazie all'uso combinato di tecniche di compressione dei dati e – appunto - multiplazione.

Nel 2017, infatti, nel processo di migrazione da un Multiplex all’altro, le frequenze dell’emittente La7 erano state cambiate, ma il ripetitore di Brossasco, in località San Mauro (che serve non solo il paese, ma anche parte della vallata) non era stato aggiornato con i nuovi dati.

Risultato: canale scomparso dai televisori, nonostante anche le ripetute risintonizzazioni dell’elenco canali TV.

Per un breve tempo, sugli schermi si è ripetuto il messaggio “segnale provvisorio”, poi il nulla.

La ricezione dei canali TV in montagna – commenta il sindaco Amorisco - è stata sempre difficoltosa, non soltanto per i canali pubblici di mamma Rai per i quali perdipiù c’è l’obbligo di pagare un canone di abbonamento spesso per non vedere niente, ma anche per le TV commerciali che, vivono e sopravvivono di pubblicità e, non pescando in montagna alcuna pubblicità, non hanno alcun interesse a coprire queste zone montane dei rispettivi segnali”.

Il “caso” di La7 si è “sbloccato” il 10 ottobre scorso, quando il ripetitore di Brossasco è stato aggiornato con le nuove frequenze.

La programmazione della TV La7 – commenta Amorisco - di tipo generalista è caratterizzata dalla presenza di programmi di approfondimento e di intrattenimento molto seguiti dalla gente e dopo un anno in cui ci siamo adoperati per l’aggiornamento del ripetitore del segnale da parte dell’emittente abbiamo reso di nuovo visibile il canale televisivo.

Una data storica quella del 10 ottobre per una operazione molto importante sul piano della informazione per Brossasco e per l’alta valle che, per tutti, è stata a costo zero perché disposta su nostra continua sollecitazione verso la stessa emittente.

Un successo, questo, del Comune di Brossasco che da solo si è fatto carico di un servizio fornito a molti paesi della valle

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore