/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 17 ottobre 2018, 12:00

1.250 euro risparmiati sulla bolletta dell'energia elettrica: premiato l'istituto scolastico comprensivo “Grandis” di Borgo San Dalmazzo

Il premio è frutto di un protocollo di intesa tra il comune di Borgo San Dalmazzo, l'istituto “Grandis” e l'associazione Pro Natura Cuneo per l'attuazione di un progetto di riduzione dei consumi energetici nell’edificio che ospita le scuole medie in piazza Don Raimondo Viale

1.250 euro risparmiati sulla bolletta dell'energia elettrica: premiato l'istituto scolastico comprensivo “Grandis” di Borgo San Dalmazzo

Nell'anno scolastico 2017/2018 la scuola media di Borgo San Dalmazzo ha risparmiato quasi 1.250 euro in energia elettrica rispetto alla media dei tre anni scolastici precedenti.

Per questo l'istituto scolastico comprensivo “Sebastiano Grandis” si è meritato un premio di 1.100 euro: 1.000 euro dal comune e 100 euro dall'associazione Pro Natura.

La cerimonia di consegna si è svolta mercoledì mattina presso la Sala Giunta. Il premio è frutto di un protocollo di intesa tra il comune di Borgo San Dalmazzo, l'istituto “Grandis” e l'associazione Pro Natura Cuneo per l'attuazione di un progetto di riduzione dei consumi energetici nell’edificio scolastico sito in piazza Don Raimondo Viale.

Soddisfatto il sindaco Gian Paolo Beretta: “Sono contento di questa collaborazione con Pro Natura. È importante invogliare i ragazzi al senso civico del risparmio, del rispetto dell'ambiente e della cosa pubblica. Un buon inizio e un buon esempio. Un progetto che continueremo a sostenere”.

L’assunzione di comportamenti responsabili da parte dei più giovani a realizzare risparmi energetici negli edifici scolastici si riversa infatti nelle mura domestiche e nelle rispettive famiglie.

Si tratta di semplici buone pratiche: “Spegni le luci quando non servono. Spegni e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici. Stacca sempre dalle prese elettriche i carica batteria del cellulare, dei PC portatili e dei videogiochi”.

Cristina Mazzariello

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium